domenica 26 febbraio | 00:00
pubblicato il 28/feb/2011 18:53

Libia/ Udc denuncia: Gheddafi potrebbe trovare rifugio da noi

Rao: "Italia inadempiente su Tpi, non potremmo consegnarlo"

Libia/ Udc denuncia: Gheddafi potrebbe trovare rifugio da noi

Roma, 28 feb. (askanews) - Finchè l'Italia non approverà la legge che adegua il nostro ordinamento, Gheddafi potrebbe stabilirsi in Italia senza correre il rischio di essere consegnato al Tribunale Penale Internazionale, come chiesto dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu. A denunciare l'inadempienza dell'Italia è il deputato Udc Roberto Rao, relatore della proposta di legge che appunta adegua l'ordinamento interno alle disposizioni dello Statuto della corte penale internazionale. "Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu - ricorda Rao - ha adottato all'unanimità una risoluzione che impone delle severe sanzioni contro Gheddafi. Ma ad oggi l'Italia non potrebbe consegnare il leader libico al Tribunale Penale Internazionale de L'Aja che lo dovrebbe giudicare per crimini contro l'umanità. Il dittatore libico, dopo le violenze nei confronti del suo popolo culminate con la feroce repressione di questi giorni, potrebbe trovare un sicuro rifugio nel nostro Paese o comunque transitarvi senza problemi prima di raggiungere la meta definitiva del suo esilio, nonostante la risoluzione dell'Onu". Il Parlamento, infatti, "nonostante le pressioni di tutte le forze politiche di opposizione, non ha ancora approvato le norme volte ad adeguare l'ordinamento interno allo Statuto di Roma, stipulato nel 1998. L'Italia, dunque, si è posta, almeno da un punto di vista pratico, sullo stesso piano di quei Paesi che non hanno sottoscritto il trattato istitutivo della Corte Penale Internazionale". Chiede dunque Rao: "Per evitare di esporre il nostro Paese a ulteriori gravissime imbarazzanti situazioni internazionali, invitiamo la maggioranza a collaborare con le opposizioni per giungere a una veloce approvazione di queste inderogabili misure, in modo da riportare l'Italia sullo stesso piano delle più avanzate democrazie europee. In Commissione Giustizia alla Camera è in calendario la discussione di alcune proposte di legge aventi ad oggetto proprio 'Norme per l'adeguamento dell'ordinamento interno alle disposizioni dello Statuto della Corte Penale Internazionale'. In settimana, su sollecitazione della Presidente Bongiorno, sono previste ulteriori audizioni, tra cui quella del Procuratore Selvaggi. Una rapida definizione in Commissione e in Aula di questo provvedimento - conclude Rao - darebbe un segnale chiaro della volontà del Parlamento e del Paese di ottemperare alle indicazioni del Consiglio di sicurezza dell'Onu".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech