lunedì 23 gennaio | 10:01
pubblicato il 04/mar/2016 19:21

Libia, Prodi: Italia non assuma responsabilità disastri di altri

"Non sono le condizioni che l'Italia può accettare"

Libia, Prodi: Italia non assuma responsabilità disastri di altri

Genova (askanews) - "Allora inizia la guerra in Libia, la iniziano i francesi e gli inglesi, gli italiani riluttanti seguono e dobbiamo essere noi ad assumerci la responsabilità del disastro fatto dagli altri e allo stesso tempo la responsabilità di una missione impossibile. Se uno va con le truppe di terra si tratta di una vera guerra, queste non sono le condizioni che un paese come l'Italia può accettare". Lo ha affermato Romano Prodi a Genova parlando di un possibile intervento militare in Libia a margine di un dibattito organizzato nell'ambito della terza edizione del festival della rivista di geopolitica Limes.

Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4