martedì 28 febbraio | 07:41
pubblicato il 19/apr/2011 05:10

Libia/ Oggi Jalil a Roma incontra anche Napolitano e Berlusconi

Colloqui a Colle e Palazzo Chigi per leader Consiglio transizione

Libia/ Oggi Jalil a Roma incontra anche Napolitano e Berlusconi

Roma, 19 apr. (askanews) - Nella sua prima missione all'estero da quando ha assunto il ruolo di guida del Consiglio nazionale transitorio di Bengasi, Mustafa Mohammed Abdul Jalil è atteso oggi a Roma, dove sarà ricevuto anche dal presidente Giorgio Napolitano e dal premier Silvio Berlusconi. La visita, ha sottolineato il portavoce della Farnesina Maurizio Massari "si inserisce nella politica di intensi contatti politici fra l'Italia e il Cnt che abbiamo riconosciuto come unico interlocutore legittimo per la Libia, terzi dopo Francia e Qatar". Jalil incontrerà il ministro degli Esteri Franco Frattini alla Farnesina poco dopo le 9 di domattina, poi alle 11 si trasferirà al Colle per un colloquio con il capo dello Stato. Subito dopo è in agenda un pranzo nella sede trasteverina della Comunità di Sant'Egidio, che in queste settimane di crisi ha facilitato i contatti fra la diplomazia italiana, il Cnt e altre componenti della società libica. Nel pomeriggio, a quanto si apprende, il presidente del Consiglio provvisorio di Bengasi è atteso a palazzo Chigi per un faccia a faccia con Berlusconi. "Siamo estremamente preoccupati per la situazione della popolazione civile in Libia e in particolare a Misurata da dove provengono notizie particolarmente allarmanti" ha spiegato il portavoce della Farnesina alla vigilia della visita. La diplomazia italiana ha avuto notizia di "bombe a grappolo usate dalle forze di Gheddafi e stupri di massa" ai danni della popolazione civile. Obiettivo principale della missione internazionale, ha ricordato il diplomatico è "la cessazione delle violenze sui civili come premessa per avviare un dialogo politico che sia gestito dai libici". In merito a un impegno ulteriore, Massari ha osservato come l'intenzione sia quella di agire "senza creare danni collaterali che nessuno vuole". "Ascolteremo quello che avrà da dirci Jalil" ha detto ancora il portavoce. L'Italia, ha proseguito, sta approfondendo con i partner "sulla base dell'ultima riunione del Gruppo di Contatto a Doha, gli strumenti e i meccanismi che consentano il parziale scongelamento di conti libici per assistere la popolazione e la governance" nell'est del paese, "nonché per favorire la vendita del petrolio e del gas" da parte del comitato provvisorio di Bengasi. Il 2 maggio è prevista la prossima riunione del Gruppo di Contatto proprio a Roma.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech