domenica 26 febbraio | 23:46
pubblicato il 12/mag/2011 14:15

Libia/ Napolitano: Ora attenzione a come paesi fanno loro parte

L' Italia non ha dichiarato nessuna guerra

Libia/ Napolitano: Ora attenzione a come paesi fanno loro parte

Firenze, 12 mag. (askanews) - "L'Italia non ha dichiarato nessuna guerra", ma si è mossa nel solco della Carta fondamentale dell'Onu e delle disposizioni del Consiglio di sicurezza delle nazioni unite, ora in Libia è necessario "stare attenti a come i Paesi dell'Alleanza fanno la loro parte con la Nato che li guida". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha confermato, da Firenze, La fondatezza dell'intervento italiano in Libia spiegando che quando si è trattato di decidere "nessun Paese ha messo il veto sull'esigenza generale di non lasciare soffocare nel sangue" i movimenti popolari. Il passato 'coloniale' dell'Italia e di molti altri Paesi europei? "Non credo che questo passato possa impedire all'Italia di esercitare le sue responsabilità" tanto più che Gran Bretagna, Spagna e Germania "hanno un passato coloniale molto più impegnativo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech