lunedì 16 gennaio | 13:58
pubblicato il 12/mag/2011 14:15

Libia/ Napolitano: Ora attenzione a come paesi fanno loro parte

L' Italia non ha dichiarato nessuna guerra

Libia/ Napolitano: Ora attenzione a come paesi fanno loro parte

Firenze, 12 mag. (askanews) - "L'Italia non ha dichiarato nessuna guerra", ma si è mossa nel solco della Carta fondamentale dell'Onu e delle disposizioni del Consiglio di sicurezza delle nazioni unite, ora in Libia è necessario "stare attenti a come i Paesi dell'Alleanza fanno la loro parte con la Nato che li guida". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha confermato, da Firenze, La fondatezza dell'intervento italiano in Libia spiegando che quando si è trattato di decidere "nessun Paese ha messo il veto sull'esigenza generale di non lasciare soffocare nel sangue" i movimenti popolari. Il passato 'coloniale' dell'Italia e di molti altri Paesi europei? "Non credo che questo passato possa impedire all'Italia di esercitare le sue responsabilità" tanto più che Gran Bretagna, Spagna e Germania "hanno un passato coloniale molto più impegnativo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%