sabato 03 dicembre | 01:24
pubblicato il 21/feb/2011 18:58

Libia/ Massima allerta in basi militari italiane

Aerei ed elicotteri si stanno spostando nel sud Italia

Libia/ Massima allerta in basi militari italiane

Abu Dhabi, 21 feb. (askanews) - "Le basi militari italiane sono entrate in stato di massimo allerta dopo l'atterraggio di due elicotteri e di due aerei libici a Malta": lo confermano fonti della Difesa, spiegando che si tratta di "un provvedimento dovuto", in cosiderazione della gravità della situazione nel paese africano. Aerei ed elicotteri militari italiani si starebbero spostando verso il sud Italia a scopo preventivo. E' stato innalzato "il livello di attenzione negli aeroporti e nelle basi aeree militari italiane" dopo l'arrivo a Malta di elicotteri e aerei libici, ha confermato anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, spiegando che "tale modifica è nelle facoltà del capo di Stato maggiore dell'aeronautica, generale Bernardis". "Non si tratta di nulla di più di quanto avviene per casi meno eclatanti", ha sottolineato La Russa da Abu Dhabi, dove si trova in visita ufficiale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari