martedì 28 febbraio | 18:57
pubblicato il 24/mar/2011 11:16

Libia/ La Russa: 10 missioni e 32 sortite per aerei italiani

"Ma non è stato necessario intervento attivo dei sistemi d'arma"

Libia/ La Russa: 10 missioni e 32 sortite per aerei italiani

Roma, 24 mar. (askanews) - Gli aerei italiani messi a disposizione dall'Italia per le operazioni militari internazionali contro il regime di Muammar Gheddafi hanno compiuto "10 missioni e 32 sortite": lo ha detto oggi alla Camera il ministro della Difesa Ignazio La Russa, in vista di un nuovo voto sulla missione internazionale voluta dalle Nazioni Unite. Durante le operazioni dei Tornado italiani "non sono state rilevate emissioni radar della difesa aerea libica e dunque non è stato necessario un intervento attivo dei sistemi d'arma di bordo", ha precisato La Russa. "Tra gli assetti" messi a disposizione dall'Italia "non figurano Tornado in tradizionale configurazione di attacco": "una scelta fatta in piena concordanza con la coalizione e senza alcun contrasto", ha aggiunto il ministro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
L.elettorale
Finocchiaro:indispensabile nuova legge elettorale maggioritaria
Mdp
Nasce gruppo Mdp Camera con 37 deputati, Laforgia presidente
Pd
Battezzati i gruppi Mdp, scissione Pd formalizzata in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Europa: porta aperte alla Cina nel segno del Turismo
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech