lunedì 20 febbraio | 05:18
pubblicato il 24/feb/2011 22:07

Libia/ Giornalista Matteuzzi: "uomini armati ci hanno fermato"

Era nel gruppo dei nove bloccati oggi nella capitale

Libia/ Giornalista Matteuzzi: "uomini armati ci hanno fermato"

Roma, 24 feb. (askanews) - Maurizio Matteuzzi era nel gruppo dei nove giornalisti italiani che arrivando oggi a Tripoli - su invito del governo libico - sono stati fermati da un gruppo di uomini in borghese armati di kalashnikov, che ha poi malmenato l'inviato del Corriere della Sera Fabrizio Caccia. "Siamo arrivati all'aeroporto dove c'era una scena apocalittica, migliaia di persone nella hall, donne, bambini, materassi, coperte, e migliaia soprattutto fuori che man mano che riescono a partire lasciano dietro di tutto, suppellettili, pentole". "Dovevamo essere attesi dai rappresentanti libici - prosegue Matteuzzi - che forse per la calca non si sono fatti vedere. Eravamo in nove. Abbiamo contrattato delle macchine per andare in centro". il traffico è scarso, ma c'è, racconta Matteuzzi. "A metà strada siamo stati fermati da un gruppo di persone in abiti civili, molto nervose, guidate da un uomo armato di kalashnikov che parlava solo arabo. Ci ha fatto scendere in uno spiazzo. Il collega del Corriere della Sera gli ha mostrato il passaporto italiano, al che il capo gli ha dato un manrovescio violentissimo. Poi lo ha trascinato in una garitta e gli ha dato un calcio. Anche noi cercavamo di dire "siamo embedded", perchè siamo un gruppo entrato su invito del governo libico. Facevamo vedere il passaporto mostrando il visto che ieri ci hanno dato all'ambasciata libica a Roma. Poi questo tizio si è allontanato ed è andato a fare una telefonata, ed è tornato molto più calmo: ci ha detto "si, ok, potete andare". Ci aveva tolto tutti i passaporti e tutti i satellitari. Li ha restituiti e siamo saliti in macchina e siamo andati via". I giornalisti hanno cercato un albergo in centro, scegliendo il più caro perché probabilmente è anche il più sicuro. Dopo l'episodio, la Farnesina ha impartito istruzioni all'ambasciatore a Tripoli, Vincenzo Schioppa, di compiere un formale passo di protesta presso le autorità libiche e di ribadire "la forte aspettativa del governo italiano che i rappresentanti degli organi di informazione italiani presenti in Libia siano pienamente tutelati nella loro sicurezza ed incolumità, e che il libero esercizio del diritto di cronaca non venga loro in alcun modo limitato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia