sabato 03 dicembre | 16:54
pubblicato il 18/feb/2015 09:50

Libia, Gentiloni: Né avventure né crociate, nostra forza è unità

"Rispondiamo a barbarie in amicizia con comunità islamica"

Libia, Gentiloni: Né avventure né crociate, nostra forza è unità

Roma (askanews) - Né "avventure" né "crociate", di fronte alla minaccia del terrorismo - che tocca da vicino anche l'Italia con l'avanza dello Stato Islamico in Libia - la "nostra forza è la nostra unità". Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni.

"Di fronte alle minaccia del terrorismo la nostra forza è la nostra unità. Dire che siamo in prima fila contro il terrorismo", ha detto il capo della diplomazia italiana alla Camera, durante l'informativa urgente del governo sui recenti sviluppi della situazione in Libia, "non è l'annuncio di avventure, tanto meno di crociate: è quello che stiamo facendo nella coalizione militare anti-Daesh, in Siria e in Iraq. E' il modo in cui un Paese democratico risponde alla barbarie e lo fa in amicizia con la stragrande maggioranza della comunità islamica, che rifiuta di veder sequestrata la propria fede".

Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari