sabato 10 dicembre | 06:21
pubblicato il 22/mag/2014 14:31

Libia: Gasparri, Mogherini vada su Google e cerchi Bengasi

Libia: Gasparri, Mogherini vada su Google e cerchi Bengasi

(ASCA) - Roma, 22 mag 2014 - ''La Mogherini dimostra ancora una volta la sua incompetenza. Nel parlare della crisi in Libia si azzarda a dire cose che evidentemente non conosce.

Il centrodestra al governo fu l'unico a porsi il problema del dopo Gheddafi. Per questo non volle sostenere la guerra voluta da Usa e Francia con il supporto del nostro Capo dello Stato. Oggi tutti, lei compresa, scoprono che non bastava mandare a morte il dittatore per risolvere la questione.

Quanto alle politiche sugli immigrati, abbiamo impedito che i clandestini si affidassero ai mercanti di morte, non come ora con la costosissima operazione Mare Nostrum che ha solo alimentato il traffico degli scafisti. La Mogherini studi la politica estera degli ultimi anni. E giacche' si trova vada su internet e trovi Bengasi su google maps. Sapra' almeno di che si parla''. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI). com-njb/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina