giovedì 08 dicembre | 01:59
pubblicato il 05/mag/2011 12:45

Libia/ Frattini: non guerra civile ma resistenza ad aggressione

Gheddafi continua a uccidere civili, con mercenari e cecchini

Libia/ Frattini: non guerra civile ma resistenza ad aggressione

Roma, 5 mag. (askanews) - Quella in corso in Libia "non è una guerra civile" ma una forma di "resistenza a un'aggressione". E' quanto ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, durante il discorso di apertura della riunione del gruppo di contatto sulla crisi libica, in corso a Roma. "Il colonnello Gheddafi continua ad uccidere i libici, a usare armi d'artiglieria, mercenari e cecchini", ha spiegato il ministro. "Questa non è una guerra civile: piuttosto, potrebbe essere definita come una resistenza del popolo libico all'aggressione dell'esercito personale di Gheddafi", ha aggiunto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni