martedì 17 gennaio | 14:17
pubblicato il 05/mag/2011 12:45

Libia/ Frattini: non guerra civile ma resistenza ad aggressione

Gheddafi continua a uccidere civili, con mercenari e cecchini

Libia/ Frattini: non guerra civile ma resistenza ad aggressione

Roma, 5 mag. (askanews) - Quella in corso in Libia "non è una guerra civile" ma una forma di "resistenza a un'aggressione". E' quanto ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, durante il discorso di apertura della riunione del gruppo di contatto sulla crisi libica, in corso a Roma. "Il colonnello Gheddafi continua ad uccidere i libici, a usare armi d'artiglieria, mercenari e cecchini", ha spiegato il ministro. "Questa non è una guerra civile: piuttosto, potrebbe essere definita come una resistenza del popolo libico all'aggressione dell'esercito personale di Gheddafi", ha aggiunto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa