venerdì 24 febbraio | 19:04
pubblicato il 05/mag/2011 12:45

Libia/ Frattini: non guerra civile ma resistenza ad aggressione

Gheddafi continua a uccidere civili, con mercenari e cecchini

Libia/ Frattini: non guerra civile ma resistenza ad aggressione

Roma, 5 mag. (askanews) - Quella in corso in Libia "non è una guerra civile" ma una forma di "resistenza a un'aggressione". E' quanto ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, durante il discorso di apertura della riunione del gruppo di contatto sulla crisi libica, in corso a Roma. "Il colonnello Gheddafi continua ad uccidere i libici, a usare armi d'artiglieria, mercenari e cecchini", ha spiegato il ministro. "Questa non è una guerra civile: piuttosto, potrebbe essere definita come una resistenza del popolo libico all'aggressione dell'esercito personale di Gheddafi", ha aggiunto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech