sabato 03 dicembre | 05:52
pubblicato il 03/mar/2011 10:06

Libia/ Frattini: Mai Italia in missione militare,semmai ok basi

Il nostro Paese non vuole avere più nulla a che fare con Gheddafi

Libia/ Frattini: Mai Italia in  missione militare,semmai ok basi

Roma, 3 mar. (askanews) - L'Italia non prenderà mai parte ad un'eventuale missione militare internazionale in Libia, potendo al massimo dare un appoggio logistico all'operazione, offrendo basi sul proprio territorio. Lo ha precisato il ministro degli Esteri Franco Frattini. "Escludo categoricamente - ha detto il titolare della Farnesina in una una intervista ad 'Avvenire' - che l'Italia possa partecipare ad un'azione militare in Libia, per ovvi motivi legati al nostro passato coloniale. Al massimo, potremmo dare la disponibilita' logistica delle nostre basi, ma anche in questo caso occorre un chiaro mandato internazionale dell'Onu. E, comunque, qualsiasi tipo d'azione deve tener presente il delicato contesto politico e culturale del mondo arabo''. Ben diverso l'impegno umanitario dell'Italia in Libia già deliberato dal Governo e prossimo alla realizzazione. 'Abbiamo deciso - ha dettagliato il ministro- due importanti missioni umanitarie. La prima, su richiesta dell'Egitto e della Tunisia, prevede l'aiuto a circa 60mila egiziani che lavoravano in Libia ed ora sono fuggiti in Tunisia. Ci e' stato chiesto di assisterli e di fare in modo che possano rientrare in patria sani e salvi. La seconda missione umanitaria si dirigera' in Cirenaica portando cibo e medicinali a una popolazione stremata". Frattini, infine, ancora una volta ha negato ogni possibilità di "imbarazzo" del Governo italiano sulla questione libica, per lo stretto legame fra il Premier Berlusconi e Gheddafi. "E' lo stesso imbarazzo che dovrebbero provare tanti leader del mondo. Dai britannici che hanno riconsegnato a Tripoli il terrorista della strage di Lockerbie, al presidente francese che ha ospitato Gheddafi per cinque giorni a Parigi, a tutti coloro che avevano votato a favore della Libia come membro della Commissione Onu per i diritti umani. Quel che conta è che oggi l'Italia, come la stragrande maggioranza degli Stati del mondo - ha affermato Frattini- non vuole più avere niente a che fare con Gheddafi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari