lunedì 27 febbraio | 06:06
pubblicato il 03/mag/2011 21:15

Libia/ Domani voto su mozioni, quatto i testi all'esame dell'Aula

Opposizione boccia documento maggioranza.Prove convergenza Pd-Idv

Libia/ Domani voto su mozioni, quatto i testi all'esame dell'Aula

Roma, 3 mag. (askanews) - Sono quattro, allo stato, le mozioni sull'intervento italiano in Libia che domani l'Aula della Camera sarà impegnata a votare: alla vigilia del voto preteso dall'opposizione e condiviso dalla Lega, la maggioranza si ricompatta su un unico testo in cui di fatto vengono accolti i paletti posti dal Carroccio nei giorni scorsi, mentre l'opposizione resta divisa con Pd e Terzo Polo che condividono il merito delle rispettive mozioni mentre l'Italia dei Valori va nella direzione opposta chiedendo la cessazione dei bombardamenti mirati. E, allo stato, su nessuno dei quattro testi sembra convergerà tutta l'Assemblea di Montecitorio. Quello su cui si è faticosamente accordata la maggioranza prevede un termine temporale certo per la conclusione dei bombardamenti mirati, nessun aumento della pressione tributaria per finanziare la missione, una "decisa e forte azione politica" per una soluzione diplomatica, l'esclusione di qualsiasi partecipazione ad azioni di terra, un processo di riduzione della partecipazione alle altre missioni internazionali, iniziative per superare la bocciatura da parte della Corte Ue del reato di immigrazione clandestina, il concorso di tutti gli alleati per far fronte all'esodo dal nord Africa. Sette punti che non convincono affatto l'opposizione: "Una maggioranza seria, degna di tale nome e non asservita ai ricatti isolazionisti della Lega, avrebbe dovuto favorire una sola mozione che fosse espressione unitaria dell'intero Parlamento", afferma una nota del coordinamento nazionale del Terzo Polo che sottolinea le "evidenti divisioni all'interno del Governo che hanno costretto ad assistere a un'umiliante pantomima tra Bossi e Berlusconi con un compromesso sui tempi della missione che fa perdere ulteriormente credibilità all'Italia di fronte alla Nato e all'Onu". Nello stesso comunicato il Terzo Polo fa sapere che voterà la propria mozione e quella del Pd. Lo stesso faranno i democratici che però stanno mettendo a punto dei ritocchi al testo già depositato: un po' per divisioni interne un po' per tentare di ottenere il voto dell'Italia dei Valori. Circostanza che il presidente dei deputati dipietristi, Massimo Donadi, non esclude.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech