martedì 24 gennaio | 04:26
pubblicato il 28/apr/2011 20:42

Libia/ Caccia italiani bombardano, Lega: Di male in peggio

Napolitano: Decisione coerente. Il 3 maggio Camere votano mozioni

Libia/ Caccia italiani bombardano, Lega: Di male in peggio

Roma, 28 apr. (askanews) - I tornado italiani hanno effettuato la prima missione in Libia e non si è placata l'ira della Lega sulla decisione di partecipare ai bombardamenti mirati: "Di male in peggio", è stato il commento del ministro della Semplificazione, Roberto Calderoli. Sulla nuova fase della partecipazione dell'Italia alla missione contro Gheddafi che, nonostante la benedizione del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, continua a dividere maggioranza e forze politiche, si esprimerà il Parlamento dove saranno messe ai voti le mozioni finora presentate da Pd, Idv, terzo polo. I documenti dell'opposizione vanno in direzioni opposte: quello del partito di Antonio Di Pietro chiede la fine dei bombardamenti mentre quello dei democratici e quello del terzo polo impegnano il governo ad adottare ogni misura possibile per proteggere la popolazione civile libica. ""Abbiamo presentato una mozione sulla Libia perchè è necessaria un'assunzione di responsabilità e ci auguriamo si realizzi una unità perchè l'interesse nazionale viene prima delle beghe politiche e della campagna elettorale che Bossi vuole fare su questi temi, è doveroso quindi che il Parlamento si pronunci. Il governo è in totale stato confusionale e questo umilia il paese", ha spiegato il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini. Per il presidente dei deputati del Pd, Dario Franceschini, "se la Lega voterà in modo diverso la crisi del governo sarà nei fatti". Per ora il Carroccio pensa all'astensione ma, fa sapere il capogruppo dei Responsabili, Luciano Sardelli, al termine di un incontro con il premier Silvio Berlusconi "abbiamo chiesto un incontro con Pdl e Lega per arrivare a una posizione comune, a una mozione unitaria della maggioranza". Il presidente del Consiglio, intanto, è salito al Colle e ha illustrato i motivi delle decisioni del governo sulla partecipazione italiana alle operazioni militari in Libia e il presidente della Repubblica ne ha preso atto richiamandosi alle posizioni espresse nel suo intervento pubblico del 26 aprile, in coerenza con gli indirizzi dell'ultima riunione del Consiglio supremo di Difesa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4