domenica 22 gennaio | 05:34
pubblicato il 26/apr/2011 13:23

Libia/ Bombardamenti, Napolitano appoggia Governo, Lega contraria

Pd: Maggioranza non c'è più. E Di Pietro attacca il Quirinale

Libia/ Bombardamenti, Napolitano appoggia Governo, Lega contraria

Roma, 26 apr. (askanews) - Il Governo non rischierà un voto parlamentare sulla decisione di un maggiore impegno italiano nei raid aerei contro la Libia annunciata ieri dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Alla dissociazione del ministro leghista Roberto Calderoli hanno risposto oggi sia il ministro degli Esteri Franco Frattini sia quello della Difesa Ignazio La Russa. E alla fine, a 'coprire' la decisione del premier, è arrivata anche la 'benedizione' del presidente della Repubblica: la decisione, ha detto Giorgio Napolitano, è il "naturale sviluppo della scelta compiuta dall'Italia a metà marzo". Per i bombardamenti contro "obiettivi mirati", ha detto il titolare della Farnesina, non serve "alcun voto" perchè il Governo ha già "un mandato pieno ad applicare la risoluzione 1973". "Non cambia nulla", gli ha fatto eco La Russa, che sull'eventualità di un voto ha precisato: "Su questo deciderà il Consiglio dei ministri". Mentre il sottosegretario alla Difesa Guido Crosetto ha insinuato una manovra propagandistica del Carroccio: "Calderoli è un genio, politicamente", ha commentato, e la Lega potrà ottenere "il massimo risultato col minimo sforzo...". Ma la Lega con l'eurodeputato Francesco Speroni, ha accusato il premier: "Berlusconi è entrato in guerra" e non dirlo "è la solita ipocrisia del nostro Paese". Dissensi anche nel Pdl: per Carlo Giovanardi "l'intervento in Libia è completamente sbagliato", mentre Alfredo Mantovano si è detto certo che le "perplessità" non siano solo della Lega. "A me - ha affermato - piace più l'Italia che manda gli aiuti umanitari a Bengasi piuttosto che l'Italia che bombarda". Le opposizioni hanno reagito accusando la maggioranza di essersi disfatta: "Il governo non c'è più su nulla" ed "è grave", ha osservato Dario Franceschini (Pd) che "scontri e litigi" avvengano "anche sulla politica estera, dove si misura l'esistenza o meno della stessa maggioranza di governo". E l'Idv ha replicato piuttosto bruscamente alle parole di Napolitano: "Bombardare una nazione non ci pare possa essere considerato uno sviluppo né naturale né costituzionalmente corretto", ha detto Antonio Di Pietro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4