venerdì 09 dicembre | 03:19
pubblicato il 24/mar/2011 20:57

Libia/ Bersani non vuole cerino guerra: Ora azione diplomatica

"Intervento per fermare massacri, poi..."

Libia/ Bersani non vuole cerino guerra: Ora azione diplomatica

Roma, 24 mar. (askanews) - Il Pd sostiene l'azione militare in Libia, anche nel voto in Parlamento i democratici non hanno battuto ciglio, a parte qualche defezione a titolo personale per motivi di coscienza, ma Pier Luigi Bersani non vuole nemmeno correre il rischio che, agli occhi dell'opinione pubblica, il suo diventi il partito con l'elmetto e non è un caso che oggi abbia in due occasioni sottolineato che l'intervento serve solo a "fermare i massacri" e che è necessario avviare una nuova azione diplomatica per la soluzione della crisi. La questione era già chiara ai leader democratici da qualche giorno e le ultime mosse del Governo, dalla polemica con la Francia alla mediazione invocata oggi da Silvio Berlusconi, hanno convinto Bersani a fare qualche puntualizzazione. Del resto, i sondaggi pubblicati che circolano dimostrano lo scarso entusiasmo degli italiani per l'intervento militare e Bersani lo sa bene. Così come gli è chiaro, avendo incontrato tutti i parlamentari Pd, che tra cattolici e area sinistra del partito sono in molti ad avere perplessità di principio sui bombardamenti. Giuseppe Fioroni da giorni mette in guardia sui rischi di un pantano e sull'assenza di una strategia per il 'dopo'; Rosy Bindi, durante il coordinamento di ieri, aveva perorato la causa dei parlamentari 'pacifisti' chiedendo di rispettare i voti di coscienza. E lo stesso Bersani non ha nessuna intenzione di passare per neo-militarista. Un rischio accentuato dalla campagna contro l'intervento portata avanti dai giornali di area berlusconiana, riecheggiata anche dal Tg1 e da trasmissioni come Porta a Porta. Ecco perché Bersani ha oggi fissato chiaramente dei paletti: ok all'intervento, ma solo per fermare i "massacri dei civili". Poi, per chiudere la crisi bisogna affidarsi alla politica e alla diplomazia, e "Gheddafi non può essere l'interlocutore". Linea ribadita da tutti ieri al 'coordinamento'. "Noi non siamo bellicisti - ha avvertito il segretario democratico - accettiamo di andare lì per evitare dei massacri, resto non si risolve con le armi, ma con la politica e con la diplomazia". D'altro canto, il Pd sa bene che il capo dello Stato ha chiesto a tutti la massima responsabilità e, comunque, di fronte ad un'azione sancita da una risoluzione Onu e inizialmente non ostacolata dalla Lega araba non si può certo esitare. Ecco perché Bersani ha precisato: "Il Pd ha una linea chiara, il ruolo dell'Italia è nei limiti della risoluzione Onu: fermare i massacri. Da lì in poi serve un'azione diplomatica che non può avere come interlocutore Gheddafi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni