sabato 03 dicembre | 14:57
pubblicato il 22/mar/2011 20:11

Libia/ Bagarre in Senato, Aula conferma: non riferirà il Premier

Polemiche su mancato intervento Berlusconi. LN: Avanti,anche soli

Libia/ Bagarre in Senato, Aula conferma: non riferirà il Premier

Roma, 22 mar. (askanews) - Il Senato ha approvato a maggioranza il calendario della settimana in corso, stabilendo che saranno i ministri della Difesa e degli Esteri a riferire in Aula sulla crisi libica. A seguire, verranno poste in votazione le mozioni sulla questione. Prima della votazione, c'è stata a palazzo Madama un po' di bagarre, perchè l'opposizione, con la capogruppo del Pd Anna Finocchiaro, è infatti tornata a chiedere a gran voce che a riferire sulla Libia domani sia il presidente del Consiglio e non i ministri della DIfesa e degli Esteri, Ingazio La Russa e Franco Frattini. "Berlusconi - ha detto l'esponente democratica - venga domani o venga il 29 o il 30, ma venga. Io ritengo sia indispensabile che il presidente del Consiglio venga in Parlamento e non vedo perchè il premier non debba venire a esercitare la sua responsabilità", dopo che nel mondo lo hanno fatto tutti i capi di governo coinvolti. Replica immediata affidata al presidente dei senatori della Lega, Federico Bricolo: "chiederei ai colleghi dell'opposizione di evitare inutili polemiche e contrapposizioni e di prendere in giro i cittadini con posizioni demagogiche. Se vogliono condividere la linea e le posizioni dell'Italia in politica estera bene, altrimenti c'è qui una maggioranza capace anche di andare avanti da sola". A tentare la mediazione il capogruppo dell'Udc, Giampiero D'Alia, che ha invitato tutti a "non sprecare il clima di condivisione che si è instaurato". In accordo con Pd e Udc è intervenuto anche il capogruppo dell'Idv Felice Belisario, chiedendo a gran voce l'intervento in Aula di Berlusconi. Chiusura di dibattito affidata al capogruppo del Pdl, Maurizio Gasparri. "Dibattito di domani e votazioni dimostreranno che la maggioranza ha idee chiare ed è coesa su come interpretare la risoluzione dell'Onu e il nostro ruolo. Fibrillazioni in maggioranza domani non ce ne saranno, vedremo se invece ce ne saranno nell'opposizione". Al termine del dibattito, il vicepresidente del Senato di turno, Domenico Nania, ha posto in votazione tre proposte di modifia del calendario, che ripercorrevano punto per punto le proposte dei gruppi di minoranza. Tutte le proposte di modifica del calendario avanzate dall'opposizione sono state bocciate dall'Aula. Resta quindi fissato per domani l'appuntamento con Frattini e La Russa, mentre i pontieri di maggioranza e opposizione cercheranno ancora di trovare la strada a una linea condivisa, speranza che non è stata ancora abbandonata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari