lunedì 05 dicembre | 11:59
pubblicato il 25/feb/2012 05:10

Liberalizzazioni/Silenzio Cei su nuova disciplina esenzione Imu

Dopo apertura, distinguo su 'no profit', no strumentalizzazioni

Liberalizzazioni/Silenzio Cei su nuova disciplina esenzione Imu

Roma, 25 feb. (askanews) - La Conferenza episcopale italiana non aggiunge commenti alla decisione certificata dal Governo Monti di procedere ad una modifica della disciplina sull'esenzione dell'imposta immobiliare (Imu, ex Ici) agli edifici della Chiesa e di altre organizzazioni no profit. Quel che c'era da dire, del resto, è stato già detto. Certo, la decisione del Consiglio dei ministri di incardinare l'emendamento annunciato nel decreto legge sulle liberalizzazioni rappresenta un'accelerazione ad un iter parlamentare che negli ultimi giorni era sembrato meno spedito. Ma la modifica era stata preannunciata da tempo. Monti ne avrebbe personalmente parlato con i massimi vertici del Vaticano e della Cei. Il premier, in particolare, avrebbe fatto capire che una bocciatura di Bruxelles entro maggio sarebbe stata inevitabile. Da parte della Cei, ovviamente, non sono mancate puntualizzazioni e distinguo. La Chiesa, ha detto il cardinal Bagnasco davanti al 'parlamentino' dei vescovi, "non chiede trattamenti particolari, ma semplicemente di aver applicate a sé, per gli immobili utilizzati per servizi, le norme che regolano il no profit". E' stato poi il giornale della Cei, 'Avvenire', a farsi carico di un atteggiamento critico non tanto nei confronti del Governo, quanto di chi - media o politici - ha voluto cavalcare il tema dell'Imu in funzione anti-ecclesiale. Infine, se in un primo momento è sembrato che la revisione venisse in qualche modo 'negoziata' tra Governo e vescovi italiani, a un certo punto la Cei ha puntualizzato che si tratta di "materia unilaterale e non concordataria". Parole che marcano una qualche distanza rispetto a Palazzo Chigi e danno voce a un certo malumore che serpeggia in seno all'episcopato, senza, peraltro, sfociare in critiche nei confronti di un esecutivo nato con significative presenze del mondo cattolico e tuttora guardato di buon occhio dai vertici ecclesiastici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari