domenica 04 dicembre | 15:25
pubblicato il 13/gen/2012 21:35

Liberalizzazioni/ Pdl chiede voce in capitolo: Colpire potentati

'No dl prendere o lasciare'.Pesano calo sondaggi e amministrative

Liberalizzazioni/ Pdl chiede voce in capitolo: Colpire potentati

Roma, 13 gen. (askanews) - Quanto riusciranno ad ottenere, ancora non è dato sapere. D'altra parte, se c'è una cosa che Mario Monti ha messo in chiaro con i partiti è che, ferma restando l'intenzione di contemperare le varie esigenze e di avere orecchie pronte all'ascolto, il governo questa volta non frenerà sulle liberalizzazioni. Nonostante la doverosa premessa, tuttavia, al termine dell'incontro tra il premier e la delegazione del Pdl a palazzo Chigi, un alto dirigente del partito sentenzia: "Siamo abbastanza soddisfatti, poteva andare peggio". Mentre infatti i tassisti protestavano rumorosamente fuori dalla sede del governo, il segretario Angelino Alfano e i capigruppo di Camera e Senato, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri, spiegavano al presidente del Consiglio che le liberalizzazioni devono essere più ampie, che non si possono colpire solo auto bianche e farmacisti, ma che si deve intervenire anche sui "potentati", per esempio nel settore dei trasporti e dell'energia. E Monti, sostengono fonti del Pdl, avrebbe ribadito che i provvedimenti saranno ad ampio raggio. Al Professore, la delegazione guidata da Alfano avrebbe d'altra parte ricordato che il Pdl è pur sempre il partito di maggioranza relativa e che i suoi voti sono determinanti per l'approvazione di qualsiasi provvedimento. Dunque, il messaggio è stato più o meno questo: stavolta non possiamo consentire pacchetti 'prendere o lasciare'. Per il Pdl, d'altra parte, quello delle liberalizzazioni rappresenta una sorta di terreno su cui rimarcare la propria 'identità' dopo questi primi mesi di appoggio al governo Monti, ivi compreso il voto sul decreto salva-Italia e annesse tasse. Ed è anche per questo che sul tema ha cominciato da giorni a mettere in campo i vari distinguo. Ieri era stato Silvio Berlusconi a dire che il Pdl avrebbe dato il via libera "solo a quelle utili" mentre oggi Fabrizio Cicchitto ha sottolineato che il governo deve agire sui "grandi interessi" e "sentendo tutti". D'altra parte le elezioni amministrative sono alle porte e i sondaggi degli ultimi tempi non sono certo incoraggianti per il Pdl che si trova, peraltro, a dover contemperare l'esigenza di tenere viva la sua anima liberale e di non scontentare categorie, come appunto tassisti e farmacisti, considerate "amiche". E' anche in quest'ottica di 'bilanciamento' degli oneri elettorali, che il partito di Alfano ha chiesto che le liberalizzazioni viaggino di pari passo con la riforma del mercato del lavoro: terreno, questa volta, scivoloso per il Pd.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari