domenica 19 febbraio | 20:23
pubblicato il 21/gen/2012 19:41

Liberalizzazioni/ Linea Berlusconi: Sostegno,ma Monti ci ascolti

Ai suoi:Ricordare sempre che la crisi continua anche senza di noi

Liberalizzazioni/ Linea Berlusconi: Sostegno,ma Monti ci ascolti

Roma, 21 gen. (askanews) - Il giudizio di Silvio Berlusconi sul decreto liberalizzazioni è duplice, fatto di luci e ombre, pronto a tenere assieme gli umori di chi nel Pdl lo considera insufficiente e chi lo valuta comunque inevitabile, oltre che accettabile. Oggi, dopo aver sentito al telefono alcuni dei massimi dirigenti del Pdl che hanno lavorato al dossier, il Cavaliere ha ribadito un giudizio già espresso nelle ultime riunioni a Palazzo Grazioli: Vanno bene i distinguo e le richieste di modifica, ma siccome "la crisi è grave, è seria cosa possiamo fare? Dobbiamo sostenere Monti e sostenere i provvedimenti". Ci sarà spazio per migliorare le misure in Parlamento, questa è la linea concordata, ma il sostegno è agli atti e non prevede un piano B. E però, come già ieri lasciando il Tribunale di Milano, l'ex premier torna sempre più spesso a raffrontare il proprio operato con quello del Professore, i dati di quell'esperienza con quelli di oggi. Fino a pochi giorni fa andava ripetendo ai propri dirigenti: "Sottolineate ogni volta che andate in tv che lo spread è rimasto lo stesso". Oggi, che qualcosa di positivo va registrato a favore dell'esecutivo Monti sul piano del differenziale con i bund tedeschi, l'invito è a mettere in rilievo le difficoltà complessive dell'economia italiana, "perché non era tutta colpa di Berlusconi". Resta il fatto che il Pdl cala nei sondaggi e questo allarma molti dirigenti. In quest'ottica vanno letti i distinguo crescenti, soprattutto alla luce delle proteste di alcune categorie considerate vicine al centrodestra. Ma c'è un altro elemento chiarito da Berlusconi già dopo il via libera al 'salva-Italia': d'ora in avanti le decisioni saranno prese di concerto con noi, "il primo partito italiano", aveva ripetuto conversando con i gruppi parlamentari riuniti prima di Natale. Sulle liberalizzazioni il confronto c'è stato, almeno in parte, ma ancora non è giudicato del tutto sufficiente. Per questo nei prossimi giorni Berlusconi continuerà a reclamare "ascolto" e "rispetto". Con un'attenzione particolare - anche se per ora rimasta sottotraccia - alle mosse messe in campo dal governo sul beauty contest.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Il Pd avvia il congresso, direzione per fissare percorso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia