sabato 03 dicembre | 15:21
pubblicato il 05/giu/2013 21:02

Letta: su lavoro giovanile ci giochiamo tutto

Letta: su lavoro giovanile ci giochiamo tutto

(ASCA) - Roma, 5 giu - ''E' una vergogna che il 38% dei giovani sia senza lavoro''. Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta intervenendo in serata alla tramissione ''Otto e mezzo'' de La7.

''E' molto importante'' ha affermato Letta, produrre ''uno sforzo per decidere qualcosa di concreto per i giovani''.

Letta ha sottolineato di aspettarsi molto dalla messa a punto dei provvedimenti da parte dei quattro maggiori paesi europei che si ritroveranno nel vertice del 14 giugno. Occorrono, ha spiegato, ''misure per dare un messaggio: che i leader europei capiscono i problemi dei giovani. Qui ci giochiamo tutto''.

Letta sul problema del lavoro giovanile si e' detto favorevole a un piano nazionale da approntare prima del Consiglio europeo proprio per dimostrare che ogni paese si impegna al massimo anche con proprie iniziative. In particolare Letta si e' definito favorevole a una ''defiscalizzazione per le imprese che assumono i giovani''.

min/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari