sabato 03 dicembre | 18:44
pubblicato il 10/feb/2014 12:00

Letta: reagire con fermezza ad attacchi contro Napolitano

Ricordiamo agli smemorati vere responsabilità di crisi del 2011

Letta: reagire con fermezza ad attacchi contro Napolitano

Roma, 10 feb. (askanews) - Bisogna "reagire con fermezza" agli "attacchi" contro il capo dello Stato. Lo afferma il presidente del Consiglio, Enrico Letta, in una dichiarazione diffusa dall'ufficio stampa di Palazzo Chigi che fa riferimento sia alle anticipazioni del libro di Friedman che alla posizione dei 5 Stelle che hanno chiesto la messa in stato d'accusa per il capo dello Stato. "Stupisce - commenta Letta infatti - la contemporaneità di queste insinuazioni con il tentativo in corso da tempo da parte del M5S di delegittimare il ruolo di garanzia della Presidenza della Repubblica. A questi attacchi si deve reagire con fermezza. E si devono semmai ricordare agli smemorati le vere responsabilità della crisi del 2011, i cui danni economici, finanziari e sociali sono ancora una zavorra che mette a repentaglio la possibilità di aggancio della auspicata ripresa economica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari