giovedì 19 gennaio | 02:13
pubblicato il 23/dic/2013 12:00

Letta: partiti e stipendi politici, noi facciamo altri tweettano

"Necessaria fase di transizione per contributo volontario"

Letta: partiti e stipendi politici, noi facciamo altri tweettano

Roma, 23 dic. (askanews) - Dei costi della politica "tanti ne parlano, pochi fanno. Noi abbiamo fatto quello che potevamo fare: abbiamo eliminato con un decreto lo stipendio per ministri che siano anche parlamentari. E' facile fare dei tweet, ma la realtà è più complessa". Lo ha rivendicato il premier Enrico Letta, nella conferenza stampa di fine anno, ricordando anche il decreto sul finanziamento ai partiti: "Erano decenni che si voleva intervenire, ora ai cittadini che non vorranno contribuire non sarà tolto un euro" anche se ci sarà una "fase di transizione" perchè "il contributo volontario del 2 per mille non lo si può applicare dal giorno allla notte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina