domenica 19 febbraio | 13:44
pubblicato il 23/dic/2013 12:00

Letta: partiti e stipendi politici, noi facciamo altri tweettano

"Necessaria fase di transizione per contributo volontario"

Letta: partiti e stipendi politici, noi facciamo altri tweettano

Roma, 23 dic. (askanews) - Dei costi della politica "tanti ne parlano, pochi fanno. Noi abbiamo fatto quello che potevamo fare: abbiamo eliminato con un decreto lo stipendio per ministri che siano anche parlamentari. E' facile fare dei tweet, ma la realtà è più complessa". Lo ha rivendicato il premier Enrico Letta, nella conferenza stampa di fine anno, ricordando anche il decreto sul finanziamento ai partiti: "Erano decenni che si voleva intervenire, ora ai cittadini che non vorranno contribuire non sarà tolto un euro" anche se ci sarà una "fase di transizione" perchè "il contributo volontario del 2 per mille non lo si può applicare dal giorno allla notte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Sinistra
Fratoianni si presenta: Sinistra italiana sia un vero partito
Pd
D'Alema: Renzi non sia prepotente, questione è nelle sue mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia