sabato 03 dicembre | 22:55
pubblicato il 25/feb/2011 18:01

Letta non riesce a frenarlo, e Berlusconi parla di bunga bunga

Sottosegretario ci prova anche coi cronisti: "Vi levo la parola"

Letta non riesce a frenarlo, e Berlusconi parla di bunga bunga

Roma, 25 feb. (askanews) - L'invito ai giornalisti è stato come al solito preventivo: "Solo domande sulla fondazione Zeffirelli", aveva provato a dire Gianni Letta durante la conferenza stampa di Silvio Berlusconi a palazzo Chigi. Ma a travalicare il tema stavolta è stato proprio il presidente del Consiglio. La prima domanda riguardava infatti solamente la capacità del premier di governare, ma Berlusconi non riesce a trattenersi: dopo una prima risposta in tema ("Credo che nessuno possa governare meglio di me"), è lo stesso premier a introdurre l'argomento più scivoloso: "Anche la sinistra è stata conquistata dal bunga bunga", dice citando l'accoglienza riservatagli oggi dall'opposizione nell'Aula di Montecitorio. Una piega che ha preoccupato il sottosegretario, che ha provato in tutti i modi a tenere la conferenza stampa sul tema: più volte Letta posa la mano sul braccio di Berlusconi, come a invitarlo a trattenersi di fronte alle domande dei cronisti che provavano a portarlo su questioni politiche. Fino alla 'minaccia' finale di Letta: "Basta o vi levo la parola".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari