venerdì 02 dicembre | 19:08
pubblicato il 07/nov/2013 12:00

Letta: Italia ha bisogno del lavoro che stiamo facendo

Oggi incontro a Dublino con premier irlandese

Letta: Italia ha bisogno del lavoro che stiamo facendo

Roma, 7 nov. (askanews) - Il presidente del Consiglio Enrico Letta ammette le difficoltà di portare avanti l'azione di governo, ma è convinto che "l'Italia abbia bisogno del lavoro che stiamo facendo ora". "E' novembre e siamo ancora qui - ha detto in un'intervista al quotidiano Irish Times - e credo anche che il governo abbia la possibilità di fare un buon lavoro nei prossimi mesi, mesi in cui l'intera cornice della politica europea deve essere riformata". Letta incontrerà oggi a Dublino il premier irlandese, Enda Kenny, per un colloquio che sarà "una sorta di passaggio di consegne", ha sottolineato il presidente del Consiglio, ricordando l'attenzione posta dall'Irlanda ai temi della disoccupazione giovanile e dell'unione bancaria durante la sua presidenza Ue, nella prima metà del 2013. Temi cari all'Italia, che si accinge invece ad avere la presidenza l'Ue nella seconda metà del 2014.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari