venerdì 02 dicembre | 23:27
pubblicato il 29/nov/2013 12:00

Letta: in 2014 si cambia registro, fiducia segnerà svolta

"Giocherò all'attacco su economia e riforme"

Letta: in 2014 si cambia registro, fiducia segnerà svolta

Roma, 29 nov. (askanews) - Con la fiducia che Enrico Letta tornerà a chiedere al Parlamento "dovremo stabilire l'agenda per l'anno prossimo, ed è mia intenzione cambiare il registro" per una vera e propria "svolta". Intervenendo al congresso dei Socialisti a Venezia, il premier ricorda che "il 2013 è cominciato economicamente nella situazione che conosciamo e politicamente nell'impasse totale delle elezioni di febbraio. Il 2013 l'abbiamo giocato in difesa, ma ci siamo conquistati la possibilità di poter giocare la seconda parte all'attacco". E dunque "voglio giocare all'attacco sia sulle riforme ecomomiche che su quelle politiche e istituzionali" perchè "abbiamo l'occasione per arrestare dopo tanti anni il declino e ricominciare a crescere, ci sono le condizioni per cui si possa arrestare l'emorragia di posti di lavoro, per cui si possa ripartire sulle riforme istituzionali e politiche".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari