sabato 03 dicembre | 07:38
pubblicato il 11/dic/2013 12:00

Letta: Forconi non rappresentano Paese, sono piccola minoranza

Sbagliato lisciare il pelo a quest'idea, è stravolgimento regole

Letta: Forconi non rappresentano Paese, sono piccola minoranza

Roma, 11 dic. (askanews) - "Il malessere sociale esiste, ma non scambiamo le proteste degli autotrasportatori per un'altra cosa. Quando un governo deve discutere con le categorie economiche, discute con i loro rappresentanti e se il governo individua forme di accordo che tengono assieme più del 90% di quelle categorie, venire a dire che quelli in piazza sono la rappresentanza del Paese, semplicemente non è vero". Lo ha detto nell'Aula del Senato il presidente del Consiglio Enrico Letta, a proposito della protesta dei Forconi. "Lisciare il pelo all'idea per la quale chi rappresenta una piccola minoranza di una categoria economica possa parlare a nome di tutti è uno stravolgimento delle regole della democrazia economica. Il governo ha affrontato quel tema, ha messo in campo risorse, i rappresentanti della categoria sono stati d'accordo", ha concluso Letta sul punto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari