sabato 03 dicembre | 21:08
pubblicato il 09/dic/2013 12:00

Letta: Expo 2015 può avere impatto come Olimpiadi Roma del 1960

Un evento fondamentale per il nostro Paese

Letta: Expo 2015 può avere impatto come Olimpiadi Roma del 1960

Milano, 9 dic. (askanews) - Expo 2015 sarà un evento fondamentale per il nostro Paese e potrebbe avere lo stesso impatto che ebbero le Olimpiadi di Roma del 1960 nel mostrare al mondo il miracolo economico italiano degli anni '50. Così il premier Enrico Letta nel suo intervento durante la firma della partecipazione dell'Unione europea a Expo 2015. Expo 2015 "è un evento fondamentale per il nostro Paese e auspichiamo che avrà lo stesso impatto delle Olimpiadi di Roma del 1960 che hanno mostrato al mondo il miracolo italiano degli anni '50", ha dichiarato Letta sottolineando come l'Esposizione universale "farà di Milano la capitale europea così come lo sarà in occasione del semestre di presidenza Ue". Il premier, ricordando di essere in partenza per il Sudafrica e che mercoledì affronterà il voto di fiducia in Parlamento, ha aggiunto che con Expo 2015 "possiamo mostrare al mondo un Paese che ha ricominciato a crescere e che vuole essere protagonista", capace "di attirare persone che vedranno un paese migliore e di cui si innamoreranno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari