domenica 11 dicembre | 07:50
pubblicato il 02/ott/2012 21:00

L.elettorale/ Timore intervento Colle spinge verso testo base

Bersani non intende cedere su merito, ma Pd non può bloccare iter

L.elettorale/ Timore intervento Colle spinge verso testo base

Roma, 2 ott. (askanews) - Ancora una volta c'è l'annuncio di "passi avanti" sulla legge elettorale, e anche in questo caso nel giro di pochi minuti qualcuno tira con forza il freno a mano. Se dal Senato arriva la notizia che giovedì si potrebbe finalmente arrivare ad un 'testo base' da mandare poi all'esame dell'Aula, il segretario democratico Pier Luigi Bersani ci mette pochi minuti per far capire che è presto per parlare di accordo ("Mah, fino a ieri no...") e per avvertire chi "pensa di usare la riforma elettorale per frammentare, balcanizzare": non si arriverebbe a un Monti bis, ma alla "palude". Una apparente contraddizione che si spiega non appena si scambiano due chiacchiere con deputati e senatori che seguono da vicino la vicenda: nella sostanza le parti sono lontane, il Pd continua a ritenere insufficiente il premio di maggioranza che Pdl, Lega e Udc sono disposti a concedere, ma la 'moral suasion' del Quirinale è più forte che mai e nessuno, tanto meno il Pd, può permettersi il ruolo dell'affossatore della riforma, soprattutto se il Presidente dovesse di nuovo prendere la parola per strigliare i partiti, ipotesi che sarebbe circolata negli ultimi giorni. Napolitano, raccontano fonti parlamentari democratiche, negli ultimi giorni si è fatto sentire con energia: il presidente ritiene sciagurata l'ipotesi di un nulla di fatto sulla legge elettorale, per il capo dello Stato bisogna assolutamente rimediare allo scollamento tra cittadini e istituzioni che si è verificato con il 'Porcellum'. Non solo, ma il capo dello Stato è preoccupato anche delle conseguenze in termini di equilibri politici che una legge come quella in vigore potrebbe creare: in base ai sondaggi la coalizione oggi più forte, quella Pd-Sel, non supererebbe il 32%-33%, un risultato che alla Camera varrebbe il 55% dei seggi ma che al Senato potrebbe rivelarsi insufficiente a disegnare una maggioranza. Insomma, il rischio sarebbe quello di una situazione peggiore di quella del 2006, quando il centrosinistra si ritrovò al Senato con una manciata di voti di maggioranza: in questo caso la maggioranza potrebbe non esserci affatto a palazzo Madama, mentre alla Camera ci sarebbe comunque un 55% di seggi assegnati a chi arriva primo. Lo stallo, praticamente, una situazione difficile da sbrogliare per il prossimo capo dello Stato che dovrà formare il nuovo Governo. Soprattutto, una situazione che potrebbe esporre il Paese a nuovi e devastanti attacchi speculativi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina