lunedì 23 gennaio | 15:48
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

L.elettorale/ Stallo in Commissione, riforma domani non in Aula

Vizzini: Filo tenue di dialogo. Calderoli furioso:Resta Porcellum

Roma, 4 dic. (askanews) - E' stallo in commissione Affari Costituzionali al Senato sulla riforma elettorale e, per l'ennesima volta, l'appuntamento con l'Aula fissato per domani salterà a meno di accordi last minute. L'emendamento sul premio al primo partito 'minacciato' stamattina dal Pdl che ha fatto saltare l'intesa cui si era lavorato nell'ultima settimana dalla maggioranza non è stato presentato e il presidente della Commissione Carlo Vizzini assicura che "esiste ancora un filo tenuissimo di dialogo" ma le dichiarazioni raccolte al termine della seduta non sono incoraggianti. "Dalle mie parti l'8 dicembre, giorno dell'Immacolata, ammazzano il maiale. Ma il Porcellum mangerà il panettone e pure le uova di Pasqua", spiega Roberto Calderoli. Il leghista è furioso. Aveva presentato un emendamento per permettere l'election day: la proposta prevedeva che le comunali, le provinciali, le regionali e le politiche si svolgessero in un'unica data. "Il presidente e il segretario del Pdl condizionano la vita del governo all'election day quindi mi sarei aspettato che il Pdl in Commissione avesse votato a favore. Invece no. Saro ne ha proposto l'accantonamento che è passato con i voti anche del Pd. Vuol dire che Alfano e Berlusconi non contano nulla. I pagliacci stanno bene al circo non in Parlamento". Il relatore del testo Lucio Malan (Pdl) spiega che "le difficoltà sono politiche e non tecniche, che ci sono richieste da parte di alcuni che non sono accettate da altri e che le preferenze non piacciono a tutti nel Pdl". Intanto Pd e Pdl hanno riunito le assemblee dei rispettivi gruppi ma è difficile che prima di domani si sblocchi la situazione: soprattutto dalle parti del Pdl. E' stato convocato per domani infatti un vertice a Palazzo Grazioli con Silvio Berlusconi che, secondo quanto riferiscono diversi esponenti del suo partito, non vorrebbe più il voto di preferenza previsto dal testo all'esame del Senato. Vizzini intanto ha convocato la Commissione domani con all'ordine del giorno alle 14 soltanto il decreto sulle province: "Non è un momento facile ma c'è uno spiraglio ancora. Se dovesse concretizzarsi un accordo troviamo il modo di affrontare il tema domani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4