giovedì 08 dicembre | 02:01
pubblicato il 24/apr/2012 21:10

L.elettorale/ Sospetti e accuse incrociate, riforma si allontana

Casini e Bersani avvertono: Tentativo trasversale di sabotarla

L.elettorale/ Sospetti e accuse incrociate, riforma si allontana

Roma, 24 apr. (askanews) - Pier Ferdinando Casini avverte che è in atto un tentativo trasversale di sabotare la riforma elettorale. Pier Luigi Bersani assicura che il Pd è pronto ad archiviare il famigerato Porcellum ma i vari restyling in atto nel centrodestra complicano la partita. Silvio Berlusconi avanza il sospetto che il centrosinistra voglia andare al voto a ottobre con l'attuale sistema di voto. La situazione nella 'strana maggioranza' a quasi un mese da quel 27 marzo dal vertice in cui 'ABC' sottoscrissero un'intesa di massima su un modello proporzionale, senza obbligo di coalizione e con l'indicazione del premier, appare molto lontana dall'accordo politico necessario per portare in Parlamento una proposta di legge che possa essere approvata entro fine legislatura. E se ai sospetti e alle accuse incrociate di 'sabotaggio' si aggiungono gli scarsi passi avanti fatti dai tecnici dei partiti che sostengono il governo Monti che pure in un mese si sono riuniti settimanalmente, il desiderio espresso da oltre un milione di cittadini che hanno firmato il referendum contro il Porcellum, poi bocciato dalla Consulta, è lungi dall'essere esaudito. E' Berlusconi oggi ad assestare il primo colpo: "E' possibile che si vada a elezioni a ottobre", paventa. Una possibilità che, a giudizio dell'ex premier, potrebbe essere determinata dalla sinistra che "con il sistema elettorale vigente potrebbe garantirsi la vittoria". Il leader dell'Udc vede "un tentativo trasversale di sabotare una nuova legge elettorale: c'è la tentazione da destra a sinistra di chi si sta rassegnando o preferisce andare con questa legge al voto" mentre a suo parere è "importante" modificare il Porcellum per "restituire ai cittadini la possibilità di scegliere i parlamentari ed evitare di avere coalizioni ingessate che non corrispondono al paese reale". Lo stesso vale per il segretario del Pd che ribadisce di essere "in condizioni di concepire una proposta di legge elettorale. Ma - aggiunge scettico Bersani - non so quali possono essere le considerazioni di chi sta progettando i 'restyling', perché temo che sarà in ragione del 'restyling' che verra fuori una proposta di legge elettorale. Spero che si possa fare, ma quando vedo questo movimento di ristrutturazione...". Il dossier comunque è rinviato a dopo le amministrative. I tecnici (Luciano Violante per il Pd, Italo Bocchino per Fli, Ignazio La Russa e Gaetano Quagliariello per il Pdl, Pino Pisicchio per Api, Ferdinando Adornato per l'Udc) avrebbero dovuto incontrarsi oggi, hanno invece rinviato, pare su richiesta del Pdl che oggi ha riunito alla Camera i coordinatori regionali e provinciali, al 9 maggio, dopo le elezioni amministrative. Il lavoro da fare è ancora molto, le divisioni altrettante. La base di partenza - oggi l'ha benedetta anche Berlusconi - è il proporzionale alla tedesca. Ma sui correttivi 'italiani' è guerra aperta. Per il Cavaliere però "il partito che ottiene più voti ha la responsabilità di formare il governo", una linea che i democratici non sembrano condividere. Violante qualche settimana fa aveva ipotizzato un premio in seggi ai partiti che avessero indicato lo stesso premier (vincente). Poi c'è il tema dei collegi che il Pdl vorrebbe ridisegnare per inserire nel sistema un correttivo maggioritario. Ma sul come l'accordo ancora non si trova. Altro capitolo, non meno spinoso quello della soglia di sbarramento. Al 4% o al 5%? Tutti nodi ancora da sciogliere e, a seconda di quanto tempo gli sherpa impiegheranno a mettere nero su bianco un articolato, si capirà se il paese potrà lasciarsi alle spalle il Porcellum oppure se il sistema di voto tanto vituperato giungerà indenne al traguardo di fine legislatura. Renato Schifani, il presidente del Senato dove la proposta dovrebbe essere presentata, fa sapere che "aspetta e spera".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni