mercoledì 22 febbraio | 09:47
pubblicato il 11/gen/2012 20:21

L.elettorale/ Slitta a domani decisione Consulta su referendum

Promotori: "Rinvio è piccolo buon segno, decisione è complessa"

L.elettorale/ Slitta a domani decisione Consulta su referendum

Roma, 11 gen. (askanews) - Slitta a domani il verdetto della Corte costituzionale sull'ammissibilità dei referendum sulla legge elettorale. I 15 giudici della Consulta, riuniti da stamattina in camera di consiglio per decidere la sorte dei due quesiti per l'abrogazione parziale o totale del cosiddetto 'Porcellum', hanno sospeso la seduta e rinviato a domani ogni decisione. Nel corso della giornata si sono inseguite in Parlamento e nel comitato promotore le voci più disparate sulle decisioni che i giudici sarebbero stati pronti ad assumere: bocciatura totale, ammissibilità dei quesiti, sentenza 'interpretativa', che boccia il referendum ma trova il modo per indicare al Parlamento la necessità di una riforma del cosiddetto Porcellum. Una bocciatura pura e semplice, motivata dal fatto che i quesiti lascerebbero il Paese senza legge elettorale, respingerebbe la tesi del comitato promotore, esposta stamattina da giuristi e costituzionalisti incaricati dal comitato, secondo la quale un eventuale sì degli elettori ai quesiti abrogativi farebbe tornare in vigore la legge precedente, il cosiddetto Mattarellum. Per motivare questa tesi, la Corte non avrebbe che da richiamarsi alla sua precedente giurisprudenza in materia, che per l'appunto stabilisce che in materia elettorale non si può dare un vuoto di legge. Ma proprio il prolungarsi dell'attesa della decisione della Consulta alimenta l'ipotesi che i giudici stiano lavorando a una decisione più complessa, e non a un semplice richiamo ai precedenti. Ne fa fede la dichiarazione rilasciata a Sky Tg24 da Vincenzo Palumbo, uno dei giuristi intervenuti oggi di fronte alla Consulta: "E' un primo piccolo buon segno, dimostra - ha affermato - che la decisione è più complessa di quello che si pensava, e mi auguro che questo possa significare un verdetto più favorevole per noi. Se i giudici si fossero adagiati supinamente sui precedenti, avrebbero potuto liquidare più velocemente la richiesta". Tra gli interventi 'esterni' tenuti oggi prima del lungo conclave poi aggiornato a domani, quello dell'Associazione giuristi democratici, che ha svolto un intervento 'ad adiuvandum' ma esponendo una tesi differente rispetto a quella dei promotori. Il referendum abrogativo "previsto dalla Costituzione - ha spiegato Pietro Adami - è fisiologico che lasci un vuoto. Spetterà poi al Parlamento riempire quel vuoto". Una quarta soluzione che, pur costringendo la Corte a 'correggere' in qualche modo i precedenti, impegnerebbe politicamente forse meno i giudici delle leggi rispetto a un intervento che pur bocciando i quesiti 'imponesse' ai parlamentari la revisione della legge vigente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%