domenica 22 gennaio | 09:35
pubblicato il 09/ott/2012 21:45

L.elettorale/ Salta testo condiviso, stop del Pd a preferenze

Accordo su premio 12,5% a coalizione. Vizzini ottimista

L.elettorale/ Salta testo condiviso, stop del Pd a preferenze

Roma, 9 ott. (askanews) - Sembrava fatta: gli sherpa del Pd e del Pdl avevano messo a punto un testo condiviso da adottare domani in commissione Affari Costituzionali al Senato per avviare il tanto agognato esame della riforma elettorale. Un sistema proporzionale con premio di maggioranza del 12,5% alla coalizione, sbarramento al 5%, un terzo dei seggi assegnati con le liste bloccate, due terzi con le preferenze. Ma su quest'ultimo punto - le preferenze, su cui i democratici sembravano disposti a cedere in cambio del premio alla coalizione - è mancato l'imprimatur politico del partito di Pierluigi Bersani. Lo stesso segretario per la verità in pubblico fino a sabato scorso all'assemblea del partito ha criticato duramente le preferenze ma le trattative politiche, si sa, sono un'altra cosa. Presuppongono che si conceda qualcosa per trovare un terreno di incontro. E i democratici avevano ceduto sulle preferenze pur di ottenere il premio alla coalizione invece che al partito. Non tutti nel Pd hanno gradito il 'do ut des', veltroniani e prodiani per esempio. E a nulla sono serviti i contatti tra il segretario dell'Udc, Lorenzo Cesa, il coordinatore del Pdl Denis Verdini, i Pd Maurizio Migliavacca e Luciano Violante. Alla fine si è deciso di rinunciare al testo unico dei due relatori Lucio Malan ed Enzo Bianco. Il risultato è che domani, alle 14.30, nella Commissione presieduta da Carlo Vizzini arriveranno con molta probabilità due testi identici in tutto tranne che nella tanto dibattuta modalità di restituire ai cittadini la facoltà di scegliere i propri rappresentanti sottrattagli dal famigerato Porcellum: il testo Pdl prevederà le preferenze, quello del Pd i collegi. "Siamo comunque in dirittura d'arrivo - assicura Vizzini - resta da risolvere l'ultima questione 'preferenze o collegi'. Metterò ai voti i due testi. Quello che otterrà la maggioranza sarà il testo base". Numeri alla mano, però, ammette Vizzini, "rischia di non passare nessuno dei due testi e a quel punto la parola passerebbe all'Aula". Decisiva sarà la decisione della Lega che con i suoi due senatori in Commissione - Roberto Calderoli e Sergio Divina - farebbe ottenere al testo Pdl (che sulla carta ha già 10 voti più uno Udc e uno di Coesione nazionale contro gli 8 del Pd, uno di Idv, uno di Api-Fli, uno di Mpa) la maggioranza: 14 voti su 26. Calderoli fa sapere però che voterà contro entrambe le proposte perché "non stanno in piedi, vanno contro tre pronunce della Corte Costituzionale". "Non ci sono passaggi che possono compromettere il voto finale della legge", dice a sera l'ottimista Vizzini. "Domani avrò le idee più chiare sulla base dei testi, sentirò i gruppi, parlerò con Schifani, e decideremo". Ma nel Pd c'è già chi, conti alla mano, comincia a pentirsi di aver detto sì al premio alla coalizione al 12,5%, che vuol dire 79 deputati e 39 senatori: per avere la maggioranza alla Camera la coalizione Bersani-Vendola infatti dovrebbe superare il 40% alle elezioni. Il 40% soltanto non sarebbe sufficiente: vorrebbe dire avere solo 300 deputati (220 più il premio) su 630. Troppo pochi per governare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4