venerdì 09 dicembre | 11:12
pubblicato il 30/ago/2013 12:00

L.elettorale/ Letta: Va cambiata per evitare nuove larghe intese

"Se si votasse ora a novembre ancora grande coalizione"

L.elettorale/ Letta: Va cambiata per evitare nuove larghe intese

Roma, 30 ago. (askanews) - "Votare adesso con il Porcellum significa rifare le larghe intese a novembre. Bisogna ricreare l'agibilità del campo, con la riforma della legge elettorale", anche se è una legge che "è un diavolo tentatore", elemento che rende difficile cambiarla. Lo ha sottolineato il premier Enrico Letta, parlando alla festa del Pd di Genova. "Nei sondaggi nessuno avrebbe la maggioranza. Dobbiamo partire da lì: dal sapere che noi abbiamo una responsabilità nei confronti del Paese che non è solo dire quello che pensiamo, ma anche fare in modo che quello che è accaduto a febbraio non succeda più. Dobbiamo avere regole per cui il voto dei cittadini riesca a contare e a decidere", non come con la legge attuale che peraltro "è sotto il giudizio della Corte Costituzionale che molto probabilmente la dichiarerà incostituzionale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina