martedì 06 dicembre | 11:19
pubblicato il 26/lug/2012 20:55

L.elettorale/ Impasse preoccupa Colle, ancora moral suasion

Ma si tratta, Abc forse inizio settimana. Rilancio Pdl:premio 15%

L.elettorale/ Impasse preoccupa Colle, ancora moral suasion

Roma, 26 lug. (askanews) - Preoccupato. Ai vertici politici e istituzionali contattati nelle ultime 48 ore Giorgio Napolitano non ha nascosto tutti i timori per una partita, quella della legge elettorale, che rischia di arenarsi a causa di tatticismi e veti incrociati. Per questo il capo dello Stato ha avuto colloqui informali con i principali big politici, per la stessa ragione ha ricevuto i presidenti di Camera e Senato. Con l'obiettivo, sembra, di continuare in quell'operazione di moral suasion già in atto da tempo. Tanto che qualcuno, nei partiti, riferisce anche della tentazione quirinalizia di una nuova e netta presa di posizione pubblica del capo dello Stato nei prossimi giorni. Nel corso degli incontri con Schifani e Fini, il presidente della Repubblica si è informato sullo stato della situazione e l'impressione che deve averne tratto è che l'accordo tra Pd e Pdl non sia dietro l'angolo. Le polemiche pubbliche tra i principali esponenti dei due partiti, d'altra parte, mostrano che il clima resta difficile, reso ancora più complicato dalla forzatura sulle riforme istituzionali targato Pdl e Lega. In ogni caso, la riforma "serve a prescindere da quando si andrà a votare", fanno notare al Colle. E di certo la data del voto si allontana se si allontana l'intesa sulla riforma del sistema elettorale. Il 'paletto' posto dal capo dello Stato a qualunque ipotesi di scioglimento anticipato delle Camere resta quello della riforma elettorale. Bisogna anche ricordare che per via della coincidenza della scadenza della legislatura con il mandato di Napolitano non esiste l'ostacolo del semestre bianco a elezioni anticipate anche dopo l'autunno. Ossia non esiste un termine ultimo per varare la nuova legge elettorale se l'obiettivo è quello di andare a elezioni anticipate. Intanto, fervono i contatti tra le forze politiche. Anche oggi Verdini e Migliavacca hanno avuto contatti. Il Pdl, si apprende, ha avanzato al Pd una proposta: inseriamo nella riforma un premio di maggioranza del 15%, indipendentemente dalla scelta di affidarlo al partito o alla coalizione. Una sfida, un modo per capire anche la reazione di Casini. Un modo per trattare sul resto, dal momento che via dell'Umiltà frena sul Provincellum: i pidiellini chiedono di modificare quel meccanismo che alcune proiezioni indicano come penalizzante. Stop and go continui, insomma. Tanta tattica, ma agli atti va messo anche il rilancio targato Casini, che oggi ha sollecitato una riunione dei segretari, un 'Abc' per stringere dopo un week end di trattative. Magari discutendo anche di quel sistema misto, un po' con i collegi e un po' con le preferenze, ipotizzato oggi dal leader centrista. La riunione potrebbe tenersi all'inizio della prossima settimana, c'è chi azzarda lunedì o martedì. Sulla partita però, pesano i veti incrociati. Ad esempio i dubbi di Berlusconi, che Pd e Terzo polo descrivono come intento a rallentare la trattativa. In effetti il Cav ragiona da sempre sulla convenienza di elezioni anticipate. Sa che l'operazione 'Monti dopo Monti' può essere gravida di conseguenze positive, ma anche negative. Se votare a novembre dovesse significare avere un posto al tavolo post elettorale, allora l'ex premier aderirebbe all'operazione senza tentennamenti. Altrimenti varrebbero i ragionamenti fatti con altri dirigenti: serve qualche mese in più, in modo da lanciare il nuovo partito e slegare progressivamente il mio nome da quello di Monti e dei tecnici. La partita, insomma, resta aperta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari