martedì 28 febbraio | 16:09
pubblicato il 30/ago/2012 05:10

L.elettorale/ E' ancora stallo, Pdl prende tempo

Pd ribadisce: "Premio del 15%"

L.elettorale/ E' ancora stallo, Pdl prende tempo

Roma, 30 ago. (askanews) - Ancora nessuna svolta sulla riforma della legge elettorale e, al di là delle dichiarazioni ufficiali, il dato di fatto è che non ci sono novità rispetto a quanto si sa ormai da mesi: Pd, Pdl e Terzo polo sono d'accordo su una legge di impianto proporzionale, ma non riescono a trovare un'intesa sul premio da assegnare a chi arriva primo e sul modo di attribuire i seggi, se con le preferenze o con i collegi. Di fatto, manca l'intesa proprio sui punti fondamentali, quelli che decideranno gli equilibri nel prossimo Parlamento e, in fondo, il prossimo Governo. I democratici ripetono le loro condizioni: no alle preferenze e premio del 15%. Il Pdl è disposto ad offrire un "premio consistente al primo partito", ma per ora non cede sulle preferenze. Le posizioni note ormai da diversi mesi. L'ipotesi di un baratto 'legge elettorale-voto a novembre', è stata ufficialmente smentita dal Pdl e secondo fonti democratiche sarebbe stata fatta uscire da Silvio Berlusconi solo per "confondere le acque e perdere tempo". Del resto, è difficile immaginare che il leader del Pdl si aspettasse una reazione positiva dal Pd o dal Quirinale e l'idea di una mossa tattica sembra verosimile. Resta il fatto che l'accordo ancora non si concretizza e appare sempre più chiaro che si tratta di una partita politica, proprio perché in gioco ci sono i futuri equilibri in Parlamento e il prossimo Governo. I centristi vogliono pochi grandi collegi, per evitare di essere schiacciati tra Pd e Pdl e rendere più facile la prosecuzione della grande coalizione (sia pure senza Berlusconi); il Pd chiede almeno una quarantina di collegi e un premio del 15%, perché Bersani non ci sta a farsi soffiare una possibile vittoria elettorale proprio all'ultimo momento; Berlusconi, dato in svantaggio dai sondaggi, ha l'obiettivo di sbarrare la strada al Pd, e da questo punto di vista potrebbe avere una convergenza con i centristi, ma anche quello di evitare l'implosione del Pdl sulla quale punta Casini, pena la marginalizzazione dallo scacchiere politico. Il risultato è che la riforma viene ancora rinviata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech