lunedì 20 febbraio | 15:12
pubblicato il 03/ott/2013 16:11

L.elettorale: Di Giorgi-Cociancich, no Porcellum serve riforma seria

L.elettorale: Di Giorgi-Cociancich, no Porcellum serve riforma seria

(ASCA) - Roma, 3 ott - ''Nessuna ambiguita' sulla legge elettorale. Non basta un semplice adeguamento del Porcellum o fantasiose varianti che indulgano al proporzionale, serve invece una riforma in senso maggioritario a doppio turno, che garantisca la governabilita' e il diritto di scelta dei cittadini''. E' quanto dichiarano i senatori del Pd, Roberto Cociancich e Rosa Maria Di Giorgi, prima firmataria a Palazzo Madama di un disegno di legge per l'abrogazione del Porcellum e il ritorno al Mattarellum. ''Dopo il voto di fiducia, il Parlamento proceda speditamente su questo fronte. Un'adeguata legge elettorale - continuano i senatori democratici - e' la garanzia migliore per affermare il bipolarismo, che deve rimanere il riferimento per un centrosinistra moderno con vocazione maggioritaria. Le larghe intese sono una necessita' del momento, ma non possono rappresentare la prospettiva del Partito Democratico''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia