sabato 03 dicembre | 01:14
pubblicato il 24/gen/2012 13:38

L.elettorale/ Consulta: Già segnalati aspetti problematici

Dubbi giudici su premio maggioranza con richiamo a sentenza 2008

L.elettorale/ Consulta: Già segnalati aspetti problematici

Roma, 24 gen. (askanews) - La Corte costituzionale ha segnalato già nel 2008 al Parlamento "l'esigenza di considerare con attenzione gli aspetti problematici" dell'attuale legge elettorale, "con particolare riguardo all'attribuzione di un premio di maggioranza sia alla Camera dei deputati che al Senato della Repubblica, senza che sia raggiunta una soglia minima di voti e/o di seggi". Il richiamo alla pronuncia precedente è contenuto nella sentenza, redatta dal relatore Sabino Cassese e depositata oggi, con la quale i giudici della Consulta hanno dichiarato inammissibili i due quesiti referendari che proponevano l'abrogazione del 'Porcellum'. I giudici costituzionali premettono che "non spetta a questa Corte - fuori di un giudizio di costituzionalità - esprimere valutazioni" sulle norme in questione. Un principio, ricordano, già affermato nel 2008 quando, sempre in un giudizio di ammissibilità di referendum sulla legge elettorale, "è stato escluso - in conformità a una costante giurisprudenza - che in sede di controllo di ammissibilità dei referendum possano venire in rilievo profili di illegittimità costituzionale della legge oggetto della richiesta referendaria o della normativa di risulta (e ciò vale anche in caso di quesito riguardante una intera legge elettorale)". E "già in quell'occasione, nell''impossibilità di dare [?] un giudizio anticipato di legittimità costituzionale', fu segnalata al Parlamento - sottolinea la Corte nella sentenza depositata oggi - 'l'esigenza di considerare con attenzione gli aspetti problematici' della legislazione prevista nel 2005, con particolare riguardo all'attribuzione di un premio di maggioranza, sia alla Camera dei deputati che al Senato della Repubblica, senza che sia raggiunta una soglia minima di voti e/o di seggi (sentenze nn. 16 e 15 del 2008)". Nel giudizio di ammissibilità dei referendum la Corte, "nel rigoroso esercizio della propria funzione, deve accertare - viene spiegato - la conformità della richiesta ai requisiti fissati in materia dall'art. 75 Cost. e dalla propria giurisprudenza, potendosi spingere solo 'sino a valutare un dato di assoluta oggettività, quale la permanenza di una legislazione elettorale applicabile, a garanzia della stessa sovranità popolare, che esige il rinnovo periodico degli organi rappresentativi', e le è quindi preclusa 'ogni ulteriore considerazione'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari