domenica 19 febbraio | 15:40
pubblicato il 24/gen/2012 13:38

L.elettorale/ Consulta: Già segnalati aspetti problematici

Dubbi giudici su premio maggioranza con richiamo a sentenza 2008

L.elettorale/ Consulta: Già segnalati aspetti problematici

Roma, 24 gen. (askanews) - La Corte costituzionale ha segnalato già nel 2008 al Parlamento "l'esigenza di considerare con attenzione gli aspetti problematici" dell'attuale legge elettorale, "con particolare riguardo all'attribuzione di un premio di maggioranza sia alla Camera dei deputati che al Senato della Repubblica, senza che sia raggiunta una soglia minima di voti e/o di seggi". Il richiamo alla pronuncia precedente è contenuto nella sentenza, redatta dal relatore Sabino Cassese e depositata oggi, con la quale i giudici della Consulta hanno dichiarato inammissibili i due quesiti referendari che proponevano l'abrogazione del 'Porcellum'. I giudici costituzionali premettono che "non spetta a questa Corte - fuori di un giudizio di costituzionalità - esprimere valutazioni" sulle norme in questione. Un principio, ricordano, già affermato nel 2008 quando, sempre in un giudizio di ammissibilità di referendum sulla legge elettorale, "è stato escluso - in conformità a una costante giurisprudenza - che in sede di controllo di ammissibilità dei referendum possano venire in rilievo profili di illegittimità costituzionale della legge oggetto della richiesta referendaria o della normativa di risulta (e ciò vale anche in caso di quesito riguardante una intera legge elettorale)". E "già in quell'occasione, nell''impossibilità di dare [?] un giudizio anticipato di legittimità costituzionale', fu segnalata al Parlamento - sottolinea la Corte nella sentenza depositata oggi - 'l'esigenza di considerare con attenzione gli aspetti problematici' della legislazione prevista nel 2005, con particolare riguardo all'attribuzione di un premio di maggioranza, sia alla Camera dei deputati che al Senato della Repubblica, senza che sia raggiunta una soglia minima di voti e/o di seggi (sentenze nn. 16 e 15 del 2008)". Nel giudizio di ammissibilità dei referendum la Corte, "nel rigoroso esercizio della propria funzione, deve accertare - viene spiegato - la conformità della richiesta ai requisiti fissati in materia dall'art. 75 Cost. e dalla propria giurisprudenza, potendosi spingere solo 'sino a valutare un dato di assoluta oggettività, quale la permanenza di una legislazione elettorale applicabile, a garanzia della stessa sovranità popolare, che esige il rinnovo periodico degli organi rappresentativi', e le è quindi preclusa 'ogni ulteriore considerazione'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia