sabato 10 dicembre | 10:22
pubblicato il 13/gen/2012 05:10

L.elettorale/ Consulta divisa: No referendum,monito su Porcellum

Giudici "non spaccati a metà né unanimi"

L.elettorale/ Consulta divisa: No referendum,monito su Porcellum

Roma, 13 gen. (askanews) - "Una buona convergenza. Né spaccatura otto a sette né unanimità", raccontano fonti della Consulta, ma una maggioranza larga fra i quindici giudici costituzionali ha determinato la bocciatura dei due quesiti referendari per l'abrogazione (totale o per parti) della legge elettorale in vigore. Non è mancato, fra i componenti del collegio, chi ha sostenuto con calore (la Velina rossa ha parlato addirittura di 'scontro' fra i giudici) la necessità di considerare ammissibili i referendum, ma l'innovazione è stata alla fine giudicata troppo forte dai più. La giurisprudenza precedente non ammette il 'vuoto normativo' in materia elettorale ma solo 'tagli' parziali che lascino almeno in parte viva la norma toccata dal referendum. Più sereno l'orizzonte politico dei partiti che sostengono il Governo Monti, quindi, è salvo, per ora, il cosiddetto Porcellum: la cui eventuale riforma è nuovamente demandata al Parlamento. Il giudice relatore Sabino Cassese, tuttavia, introdurrà nelle motivazioni della sentenza, che dovrebbero essere approvate dal collegio il 23 gennaio prossimo, un "monito", una indicazione, sulla necessità di rivedere la legge attuale. La discussione è stata lunga, più approfondita forse rispetto alle previsioni di chi considerava già scritta la sentenza, ma il rinvio non aveva a che fare con altri eventi politici contestuali: la notizia della bocciatura dei quesiti ha preceduto largamente quella del voto della Camera sulla richiesta d'arresto per il coordinatore del Pdl campano Nicola Cosentino. Quanto alle motivazioni della sentenza, non dovrebbe esserci neanche stavolta, dicono le fonti della Consulta, una pronuncia troppo netta su una presunta incostituzionalità del Porcellum, ma probabilmente un ampliamento delle perplessità già espresse dalla Corte nella sentenza numero 16 del 2008: "L'impossibilità di dare, in questa sede, un giudizio anticipato di legittimità costituzionale non esime tuttavia questa Corte - scriveva il giudice redattore Gaetano Silvestri, tuttora componente della Consulta - dal dovere di segnalare al Parlamento l'esigenza di considerare con attenzione gli aspetti problematici di una legislazione che non subordina l'attribuzione del premio di maggioranza al raggiungimento, sia pure a livello regionale, di una soglia minima di voti e/o di seggi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina