sabato 21 gennaio | 23:35
pubblicato il 15/set/2012 10:52

L.elettorale/ Casini: Nessun blitz contro Pd, ma decidano presto

Forzatura inaccettabile il super-premio alla coalizione

L.elettorale/ Casini: Nessun blitz contro Pd, ma decidano presto

Roma, 15 set. (askanews) - "Sono d'accordo con Fini. Qui non si tratta di fare forzature ma di avere rispetto reciproco. E questo significa due cose: stanare chi vuole continuare a giocare a rimpiattino e assumersi la responsabilità di una scelta davanti agli italiani". In un'intervista a 'Repubblica', il leader Udc Pier Ferdinando Casini parla dello stallo sulla riforma della legge elettorale. Nessun blitz contro il Pd in Senato per far passare una legge iper-proporzionale con i voti di Pdl e Lega: "Questo accordo segreto - assicura - non esiste, non ci sono furbizie. Anche perchè poi alla Camera salterebbe tutto. Ma a condizione che non si resti in mezzo al guado". Il riferimento è soprattutto al Pd: "I tempi delle primarie di un partito non possono influenzare la legge elettorale". Bisogna smetterla di dire "o così o niente", dice ancora Casini. "In teoria - spiega - le posizioni ufficiali restano molto distanti. Noi siamo per il proporzionale, il Pd per il doppio turno e il Pdl oscilla fra varie opzioni. Ma se tutti noi mostriamo intolleranza verso le idee degli altri significa che ci siamo rassegnati a tenere il Porcellum". Tre i nodi da sciogliere, secondo il leader Udc: la possibilità che i cittadini possano scegliere i propri rappresentanti, la rappresentanza delle donne, "ma qui siamo tutti d'accordo", e il terzo "se dare un premio alla coalizione o alla singola lista e quanto deve essere grande". Un problema non da poco, sostiene, anche se tornare alle coalizioni del passato sarebbe "un errore". Casini indica quella che considera una "forzatura inaccettabile": "Solo in Italia c'è sia la soglia di sbarramento sia il premio di maggioranza. Berlusconi nel 2008 ha preso il 55% dei seggi con il 46,8% dei voti. Di fatto ha ottenuto un premio dell'8% che mi sembra già alto. Ma ora l'idea è quella di premiare una coalizione che ha il 30% con il 55% dei seggi: ecco, questa sì che sarebbe una forzatura inaccettabile. Di tutto il resto si può discutere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4