lunedì 05 dicembre | 12:05
pubblicato il 05/nov/2012 20:09

L.elettorale/ Bersani teme blitz su premio e studia contromosse

Strada stretta anche per pressioni di Napolitano sulla 'soglia'

L.elettorale/ Bersani teme blitz su premio e studia contromosse

Roma, 5 nov. (askanews) - Sulla legge elettorale è di nuovo allarme nel Pd e oggi il segretario democratico ha voluto dirlo pubblicamente. Del resto, già in mattinata l'Unità aveva fatto capire quanto nel partito si tema l'effetto congiunto delle pressioni di Giorgio Napolitano e della tentazione di fare un 'blitz' da parte di Pdl, Lega e Udc: nel quotidiano fondato da Antonio Gramsci c'erano ben due pezzi sull'argomento, un retroscena intitolato "Il centrodestra vuole la legge trappola", e un editoriale del direttore contro la "Logica dello sfascio". Quindi, è stato Bersani stesso a lanciare l'allarme: molti che parlano di 'Monti-bis' pensano ad una legge elettorale che non faccia vincere nessuno, "così la politica non dà risposte e viene fuori il Monti-bis. Chi pensa questo è fuori come un balcone: dalla palude non viene fuori Monti, viene fuori un rischio mortale per il paese". Il problema è che da giorni Napolitano ha recapitato un messaggio chiaro a tutti e tre i partiti di maggioranza: non crediate che mi rassegnerei a tenere il 'Porcellum' così com'è, sono pronto a fare tutto ciò che è in mio potere per ottenere almeno la correzione che ha chiesto, da anni, la Corte costituzionale, ovvero una soglia minima per accedere al premio di maggioranza. Un ragionamento che Udc e Pdl sembrano pronti a fare proprio, piazzando una soglia almeno del 40% per ottenere il premio di coalizione. Sondaggi alla mano, l'alleanza Pd-Sel-Psi è almeno 5 punti sotto quella cifra, ecco perché Bersani attacca chi vuole fare una legge che renda "tutti nanetti". Per questo motivo il leader Pd ha convocato per domattina un 'gabinetto di crisi' composto dai capigruppo e dagli 'esperti' del partito in materia elettorale: al momento l'emendamento D'Alia che al Senato proponeva l'introduzione della soglia è bloccato, perché nel Pdl non si trova l'intesa sulle preferenze. Ma il rischio di 'isolamento' è ben chiaro ai democratici e domani si valuteranno le contromosse. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari