lunedì 16 gennaio | 16:39
pubblicato il 15/nov/2012 20:30

L.elettorale/ Bersani-Casini: Con riforma spiraglio election-day

Pd esce dall'angolo, Udc 'aiuta' Alfano. Si attende reazione Pdl

L.elettorale/ Bersani-Casini: Con riforma spiraglio election-day

Roma, 15 nov. (askanews) - Dopo i battibecchi dello scorso fine settimana, Pd e Udc hanno ripreso un filo di comunicazione, i due partiti sanno che difficilmente potranno fare a meno l'uno dell'altro nella prossima legislatura e non è un caso che questa mattina, all'assemblea della Cna, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini abbiano praticamente giocato di sponda su legge elettorale ed election-day. Il Parlamento è bloccato sulla riforma elettorale e la data delle elezioni sta addirittura mettendo a rischio il Governo, se vanno prese per buone le minacce del Pdl. Stamattina, però, sia Casini che Bersani hanno detto parole più dialoganti su entrambi i temi. In sostanza, i due, raccontano, sarebbero d'accordo su un'ipotesi di mediazione sulla quale adesso è il Pdl che deve dire la sua: non ci può essere un unico 'vincitore' di tutte le partite, si sciolga prima il nodo della legge elettorale e poi si può ragionare anche sull'election-day, magari a marzo. Parlando alla Cna, il leader Udc ha ribadito la sua preferenza per un 'accorpamento' di politiche e regionali per evitare "cinque mesi di campagna elettorale", ma ha aggiunto: "Tra votare ad aprile e votare alla fine di febbraio non cambia molto", mentre "cambierebbe solo che il paese sarebbe precedemente messo in condizione di esprimere un governo e di superare una fase che obiettivamente è di incertezza". Il leader Udc è esplicito e lega la questione alla legge elettorale: "Fare la legge elettorale non è impossibile. Ritengo giusto che il partito di maggioranza relativa abbia un premio di governabilità, e non sarà certo la discussione tra l'8 e il 10% che può cambiare la questione. Penso sia giusto che quel partito abbia la possibilità di tessere intorno a se un sistema di alleanze, questo è una cosa civile, difficilmente contestabile". Un discorso che il leader Udc ha fatto anche a Bersani, spiegandogli che così il Pd uscirebbe dall'angolo in cui rischia di ritrovarsi, visto che se non si facesse la riforma è alta la possibilità che il Quirinale chieda comunque di inserire almeno la soglia per il premio, come suggerito dalla Consulta. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow