sabato 10 dicembre | 17:51
pubblicato il 11/set/2012 21:51

L.elettorale/ Bersani a Pdl-Udc: Ci metteremo di traverso

E Bressa avverte:Se Casini forza,poi difficile alleanza governo

L.elettorale/ Bersani a Pdl-Udc: Ci metteremo di traverso

Roma, 11 set. (askanews) - Pier Luigi Bersani alza la voce, la partita sulla legge elettorale è quella più delicata, una sfida che assomiglia sempre più ad una roulette russa e che non potrà concludersi con un pareggio. I giochi sono ormai alla luce del sole, Pier Ferdinando Casini ha ufficialmente annunciato di lavorare per il 'Monti-bis' e il leader Pd non ha nessuna intenzione di assecondarlo: chi pensa a un sistema "seccamente proporzionale dovrà vedersela con noi", ha detto a Mestre. Ma il messaggio fatto avere a Pdl e Udc è più netto: il Pd si metterà di traverso, su questo non si discute. Un messaggio che Gianclaudio Bressa, uno dei democratici che si occupano di legge elettorale, espone con ancora maggiore chiarezza: "Una 'forzatura' Pdl-Udc? Credo he si tratti di una boutade giornalistica, anche perché se fosse vera sarebbe una cosa gravissima per lo stesso governo". Non 'questo' governo, il riferimento non è al Governo Monti, ma al futuro: Casini si scordi l'alleanza, se rompe su un punto del genere. Il segretario su questo tema è pronto alla battaglia, perché si tratta di una questione cruciale: dal tipo di riforma elettorale dipende l'esito delle prossime elezioni, un premio di maggioranza insufficiente può azzoppare il Pd proprio sul filo di lana di una vittoria che, stando ai sondaggi, con l'attuale legge elettorale sarebbe certa. Bersani la riforma la vuole, ma certo non a costo di annullare il vantaggio che il suo partito ha su tutti gli altri concorrenti e sui potenziali alleati. Anche perché, è convinto il leader democratico, una legge che non garantisce la governabilità provocherebbe "uno tsunami" sull'Italia, in un momento come questo. In realtà, in caso di 'impasse' la soluzione sarebbe già pronta, come ha ricordato qualche giorno fa Romano Prodi: se dalle urne non uscisse un vincitore sarebbe quasi scontato un secondo mandato a Mario Monti. Questo spiega perché l'Udc si stia muovendo con tanta determinazione, anche a costo di mettere a dura prova i rapporti con il leader democratico. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina