martedì 21 febbraio | 13:25
pubblicato il 23/set/2011 20:00

L.elettorale/ Alfano: La cambiamo, riunione prossima settimana

Ne ho già parlato con Berlusconi

L.elettorale/ Alfano: La cambiamo, riunione prossima settimana

Roma, 23 set. (askanews) - "La legge elettorale si cambia. La prossima settimana convocherò il tavolo di soggetti istituzionalmente competenti per cambiare la legge elettorale. Ma non si faranno passi indietro di 20 anni, pretenderemo la salvaguardia del bipolarismo: occorrerà scegliere il parlamentare, il premier e dire da quale coalizione è sostenuto e con quale coalizione sarà al governo. Occorre restituire il diritto di scelta del deputato senza negare la scelta del premier". Lo ha detto Angelino Alfano, segretario del Pdl. Lo slogan al quale dovrà ispirarsi una nuova legge elettorale è "candidati non calati dall'alto ma spinti dal basso". Per questo il segretario del Pdl è già al lavoro: "Come Pdl, avendone io parlato con tanti e con il presidente del Consiglio Berlusconi, siamo già al lavoro" e la prossima settimana organizzerà incontri con "soggetti istituzionali competenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia