domenica 04 dicembre | 17:37
pubblicato il 23/set/2011 20:00

L.elettorale/ Alfano: La cambiamo, riunione prossima settimana

Ne ho già parlato con Berlusconi

L.elettorale/ Alfano: La cambiamo, riunione prossima settimana

Roma, 23 set. (askanews) - "La legge elettorale si cambia. La prossima settimana convocherò il tavolo di soggetti istituzionalmente competenti per cambiare la legge elettorale. Ma non si faranno passi indietro di 20 anni, pretenderemo la salvaguardia del bipolarismo: occorrerà scegliere il parlamentare, il premier e dire da quale coalizione è sostenuto e con quale coalizione sarà al governo. Occorre restituire il diritto di scelta del deputato senza negare la scelta del premier". Lo ha detto Angelino Alfano, segretario del Pdl. Lo slogan al quale dovrà ispirarsi una nuova legge elettorale è "candidati non calati dall'alto ma spinti dal basso". Per questo il segretario del Pdl è già al lavoro: "Come Pdl, avendone io parlato con tanti e con il presidente del Consiglio Berlusconi, siamo già al lavoro" e la prossima settimana organizzerà incontri con "soggetti istituzionali competenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari