venerdì 02 dicembre | 19:51
pubblicato il 29/ago/2012 17:02

L.Elettorale/ 'ABC' ostenta ottimismo ma l'intesa ancora non c'è

Comitato si aggiorna al 5. Pd-Pdl:Possibile ok Senato a settembre

L.Elettorale/ 'ABC' ostenta ottimismo ma l'intesa ancora non c'è

Roma, 29 ago. (askanews) - L'intesa sulla riforma legge elettorale ancora non c'è, di un testo base manco parlarne, addirittura sono tornati i distinguo su preferenze o collegi uninominali ma, nonostante tutto questo, al termine della riunione del comitato ristretto di oggi al Senato, sia Pd che Pdl si sono mostrati ottimisti e speranzosi. Tanto il relatore Enzo Bianco (Pd) quanto il vicecapogruppo del Pdl, Gaetano Quagliariello, hanno persino ipotizzato un via libera del Senato al testo entro la fine di settembre, per "chiudere alla Camera entro ottobre e - ha detto Bianco - avere poi due mesi per ridisegnare i collegi". Proprio il timing tracciato dall'esponente democratico apre la porta alla seconda considerazione di oggi: tutti hanno escluso l'ipotesi di voto anticipato a novembre, nonostante le voci (puntualmente smentite) che vorrebbero un Silvio Berlusconi interessato ad andare alle urne il prima possibile. A tenere il punto, in commissione, i suoi, specie il relatore del Pdl, quel Lucio Malan che ha detto "per fare la legge i tempi volendo ci sono, settembre non è ancora cominciato. Bisogna che ci sia la volontà di farlo". Dal lato pratico, per, la riunione di oggi non ha portato alcun passo avanti concreto. Vero che secondo i singoli esponenti dei gruppi "passi avanti se ne sono fatti" e che "si è trovato l'accordo su alcuni punti seri", ma sul tavolo è riapparso il nodo preferenze: il Pdl, infatti, lo ritiene il miglior modo di garantire agli elettori la scelta, mentre il Pd resta fermo sui collegi. Tutti torneranno a vedersi, quindi, mercoledì 5, per quella che dovrebbe essere la "giornata di svolta". Entro quella data, il presidente della Commissione, Carlo Vizzini, ha annuciato di voler informare il presidente del Senato, Renato Schifani, dello stato dell'arte e poi, in apertura di seduta, "informare la commissione in seduta plenaria sull'andamento dei lavori". Proprio il presidente della I commissione di palazzo Madama, del resto, è stato l'unico, oggi, a non ostentare sicurezza e ottimismo. "Diciamo che io sono l'opposto di Quagliariello: lui è sempre ottimista, io sempre pessimista. Insieme - ha detto Vizzini - facciamo uno normale. Per quando qualcuno dire che 'in una settimana si puo' fare la legge elettorale mi viene da rispondere: 'prego, si accomodi'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari