sabato 21 gennaio | 05:48
pubblicato il 23/ott/2013 11:26

Legge stabilita': Zanetti (SC), non riduce pressione fiscale

Legge stabilita': Zanetti (SC), non riduce pressione fiscale

(ASCA) - Roma, 23 ott - ''A conti fatti, la parte della manovra che impatta sulle entrate fiscali determina nel 2014 riduzioni per 8,1 miliardi e aumenti per 9,5 miliardi, con un effetto netto a favore dello Stato di 1,4 miliardi. Nel 2015 riduzioni per 9,6 miliardi ed aumenti per 6,2 miliardi, con un effetto netto di 3,4 miliardi a favore dei contribuenti che pero' si riduce ad appena 0,4 miliardi se si considera la scure della clausola di salvaguardia di 3 miliardi sul 2015.

Nel 2016 riduzioni per 11,6 miliardi ed aumenti per 6,1 miliardi, con un effetto netto di 5,5 miliardi a favore dei contribuenti che pero' diventa di 0,5 miliardi a favore dello Stato se si considera la scure della clausola di salvaguardia di 6 miliardi sul 2016. Nel 2017 riduzioni per 13,1 miliardi ed aumenti per 5,8 miliardi, con un effetto netto di 7,3 miliardi a favore dei contribuenti che pero' diventa di 2,7 miliardi a favore dello Stato se si considera la scure della clausola di salvaguardia di 10 miliardi sul 2016. Tutto si puo' dire di questa manovra, tranne che riduce la pressione fiscale''. Lo dichiara in una nota Enrico Zanetti, responsabile politiche fiscali di Scelta Civica e vicepresidente della Commissione Finanze della Camera. ''In questo gigantesco gioco delle tre carte, che e' tale in quanto la manovra viene inopinatamente spacciata dal Governo non come redistributiva del carico fiscale, cosa che di per se' potrebbe essere condivisibile, ma come decrementativa, quello che appare veramente intollerabile - sottolinea Zanetti - e' l'atteggiamento del PDL che e' non solo forza di maggioranza, ma anche forza che, a differenza di Scelta Civica, ha suoi esponenti, insieme al PD, nel dicastero dell'Economia. Scelta Civica, pur con tutta la lealta' dovuta al Governo, avrebbe impostato diversamente la manovra sin dallo scorso maggio, concentrando le energie su una immediata prosecuzione della spending review effettuata nel 2012 dal Governo Monti, invece che perdersi nella assai piu' facile, ma meno produttiva propaganda su un IMU prima casa che questa manovra, targata per ora PD-PDL e su cui Scelta Civica potra' finalmente dare il proprio contributo in sede parlamentare, rinomina con soave spudoratezza in TASI.

Un acronimo che, in dialetto veneto, sembra anche un invito.

Un invito che pero' - conclude Zanetti - Scelta Civica non ha alcuna intenzione di accogliere''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4