martedì 28 febbraio | 06:52
pubblicato il 06/nov/2013 19:19

Legge stabilita': Serracchiani, non si stanno facendo scelte coraggiose

(ASCA) - Udine, 6 nov - Per quanto riguarda la legge di stabilita' ''non staremo a guardare, ma resteremo sul campo aperto delle riforme che diventano un dovere''. Cosi' Debora Serracchiani, presidente della Regione Fvg.

''Mi auguro che questo appartenga al patrimonio del governo, che deve fare delle scelte coraggiose che in questo momento non vedo, ma e' arrivato il momento di farle altrimenti non ce n'e' piu' per nessuno'', aggiunge Serracchiani. ''Se guardiamo al Friuli Venezia Giulia l'attuale legge di stabilita' va riscritta, basta pensare ai 44 milioni in piu' che vengono chiesti, e alla trattenuta degli 80 milioni che ci spettavano, e a tutti i pesi che portiamo come una zavorra su un bilancio che insomma ha sempre tentato di rispondere ai cittadini in modo virtuoso. Un bilancio - conclude la presidente - che adesso fa i conti con un calo di risorse, siamo intervenuti gia' per contenere le spese e fare quelle scelte di riforma che sono necessarie''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech