domenica 11 dicembre | 08:53
pubblicato il 24/ott/2013 13:31

Legge stabilita': scuse Squinzi per aver detto 'porcate' del Parlamento

(ASCA) - Roma, 24 ott - Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, si scusa con il Parlamento dopo le dichiarazioni di lunedi' scorso quando ha detto di augurarsi che nel passaggio in Camera e Senato della legge di stabilita' non ''saltino fuori le solite porcate, porcherie, di cui abbiamo larga esperienza nel passato''. Prima dell'avvio dell'audizione davanti alle commissioni Bilancio e Finanze di Palazzo Madama, il presidente della V commissione, Antonio Azzollini, ha chiesto a Squinzi un gesto di scuse al Parlamento ''per dissipare ogni impressione e ripristinare i giusti rapporti''. ''Me ne scuso se posso essere stato male interpretato'', ha risposto Squinzi. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina