martedì 17 gennaio | 10:59
pubblicato il 24/ott/2013 13:31

Legge stabilita': scuse Squinzi per aver detto 'porcate' del Parlamento

(ASCA) - Roma, 24 ott - Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, si scusa con il Parlamento dopo le dichiarazioni di lunedi' scorso quando ha detto di augurarsi che nel passaggio in Camera e Senato della legge di stabilita' non ''saltino fuori le solite porcate, porcherie, di cui abbiamo larga esperienza nel passato''. Prima dell'avvio dell'audizione davanti alle commissioni Bilancio e Finanze di Palazzo Madama, il presidente della V commissione, Antonio Azzollini, ha chiesto a Squinzi un gesto di scuse al Parlamento ''per dissipare ogni impressione e ripristinare i giusti rapporti''. ''Me ne scuso se posso essere stato male interpretato'', ha risposto Squinzi. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate