giovedì 08 dicembre | 17:01
pubblicato il 09/nov/2013 12:46

Legge stabilita': Pizzolante (Pdl), basta strumentalizzazioni su spiagge

(ASCA) - Roma, 9 nov - ''Non si puo' strumentalizzare tutto, non si vendono gli arenili ma solo le aree dove vivono gli immobili che sono dei privati. Ed e' questa la grande occasione per un opera di riqualificazione delle strutture turistiche italiane. Ne ha parlato il senatore D'Ali, relatore alla legge di stabilita'''. Cosi il senatore del Pdl Sergio Pizzolante, estensore dell'emendamento alla legge di stabilita' in materia di spiagge gia'sottoscritto dai Senatori Gasparri, Romani, Chiavaroli e Bonfrisco. ''L'obiettivo - spiega Pizzolante - e' quello di risolvere una questione annosa: quella delle concessioni demaniali, che riguarda 30.000 imprese italiane che hanno fatto investimenti e creato valore sulla base di una Legge dello Stato che fino al 2009 garantiva il rinnovo automatico delle concessioni. Il Trattato europeo e la direttiva Bolkestein prevedono il rinnovo delle concessioni secondo criteri di concorrenza.

Principio che noi condividiamo, purche' si riconoscano alle imprese gia' esistenti gli investimenti fatti e l'aver creato un'offerta turistica balneare d'eccellenza. L'emendamento - spiega Pizzolante - prevede il passaggio dal demanio al patrimonio dello Stato delle aree dove vivono i manufatti e le proprieta' immobiliari degli stabilimenti balneari, con l'obiettivo della privatizzazione con diritto di opzione per i concessionari gia' esistenti. La restante parte delle concessioni (arenili e ombreggi) rimangono demanio pubblico, soggetto alla concorrenza sulla base di un piano dei servizi che contempli criteri capaci di garantire l'unicita' della gestione''.

''Questo intervento - aggiunge - permette quindi di salvaguardare oltre 30.000 aziende, e nello stesso tempo e' un'operazione robusta di dismissione e valorizzazione del patrimonio dello Stato, per 5-10 miliardi. Inoltre, dando stabilita' alle gestioni viene garantita la ripresa degli investimenti e la crescita del settore. Infine, l'emendamento prevede la possibilita' di utilizzare almeno la meta' dei 5-10 miliardi di maggiori risorse a disposizione per creare un fondo di garanzia per i mutui destinati agli investimenti nel settore del turismo, vale a dire per le spiagge, la ristorazione, il commercio e per una grande opera di 'rottamazione' e riqualificazione del patrimonio alberghiero italiano'', conclude il senatore Pdl. com-brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni