domenica 26 febbraio | 05:20
pubblicato il 15/nov/2013 18:20

Legge stabilita': Pisicchio (Cd), no a criteri ragionieristici

Legge stabilita': Pisicchio (Cd), no a criteri ragionieristici

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''C'e' un problema di coerenza con gli impegni europei, ma anche un problema di sovranita' nazionale e di autonomia. Un'austerita' ragionieristica, tutta declinata con l'incrudelimento fiscale, senza attenzione alla occupazione e allo sviluppo significherebbe condannare l'Italia ma, subito dopo anche l'UE. E' necessario che Italia, Francia e Spagna, paesi vicini anche per le contingenze economiche e sociali, comincino a parlare in Europa lo stesso linguaggio per imporre una linea attenta alla realta' sociale dell'unione e non solo all'idea astratta dei revisori delle contabilita' di Bruxelles''. Lo afferma il presidente del gruppo Misto alla Camera e Vicepresidente di Centro Democratico Pino Pisicchio. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech