giovedì 08 dicembre | 09:22
pubblicato il 15/nov/2013 18:20

Legge stabilita': Pisicchio (Cd), no a criteri ragionieristici

Legge stabilita': Pisicchio (Cd), no a criteri ragionieristici

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''C'e' un problema di coerenza con gli impegni europei, ma anche un problema di sovranita' nazionale e di autonomia. Un'austerita' ragionieristica, tutta declinata con l'incrudelimento fiscale, senza attenzione alla occupazione e allo sviluppo significherebbe condannare l'Italia ma, subito dopo anche l'UE. E' necessario che Italia, Francia e Spagna, paesi vicini anche per le contingenze economiche e sociali, comincino a parlare in Europa lo stesso linguaggio per imporre una linea attenta alla realta' sociale dell'unione e non solo all'idea astratta dei revisori delle contabilita' di Bruxelles''. Lo afferma il presidente del gruppo Misto alla Camera e Vicepresidente di Centro Democratico Pino Pisicchio. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni