martedì 06 dicembre | 15:11
pubblicato il 15/nov/2013 18:24

Legge stabilita': Pisicchio (Cd), no a criteri ragionieristici

Legge stabilita': Pisicchio (Cd), no a criteri ragionieristici

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''C'e' un problema di coerenza con gli impegni europei, ma anche un problema di sovranita' nazionale e di autonomia. Un'austerita' ragionieristica, tutta declinata con l'incrudelimento fiscale, senza attenzione alla occupazione e allo sviluppo significherebbe condannare l'Italia ma, subito dopo anche l'UE. E' necessario che Italia, Francia e Spagna, paesi vicini anche per le contingenze economiche e sociali, comincino a parlare in Europa lo stesso linguaggio per imporre una linea attenta alla realta' sociale dell'unione e non solo all'idea astratta dei revisori delle contabilita' di Bruxelles''. Lo afferma il presidente del gruppo Misto alla Camera e Vicepresidente di Centro Democratico Pino Pisicchio. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni